funghi cervello

Un antiossidante unico presente nei funghi potrebbe avere un effetto protettivo sul cervello. A dirlo uno studio.

Più funghi mangiavano le persone del campione, meglio eseguivano i test del pensiero e della elaborazione. Ma i ricercatori hanno detto che non è stato possibile dimostrare un legame diretto tra la funzionalità dei funghi e il cervello.

Le scoperte dello studio della National University of Singapore sono state basate su 663 adulti cinesi, di età superiore a 60 anni. La cui dieta e stile di vita sono stati monitorati dal 2011 al 2017.

Nei sei anni di studio, i ricercatori hanno scoperto che mangiare funghi riduce le probabilità di lieve deterioramento cognitivo. In particolare, è stato rilevato a circa 9 persone su 100, che hanno mangiato più di due porzioni alla settimana. Rispetto a 19 su 100 tra coloro che mangiavano meno di una porzione.

Il lieve deterioramento cognitivo (MCI) può rendere le persone smemorate. Influire sulla loro memoria e causare problemi con il linguaggio, l’attenzione e la localizzazione gli oggetti negli spazi. Ma i cambiamenti possono essere sottili. Non è abbastanza grave da essere definita demenza.

 

Mangiare funghi riduce lieve demenza

Nello studio è stato chiesto quanto spesso hanno mangiato sei diversi tipi: ostrica, shiitake, bottone bianco, essiccato, dorato e in scatola. I mangiatori di funghi hanno ottenuto risultati migliori nei test cerebrali e hanno riscontrato una maggiore velocità di elaborazione. E questo era particolarmente evidente in quelli che hanno mangiato più di due porzioni alla settimana. O più di 300g.

Questa correlazione è sorprendente e incoraggiante“, ha detto l’assistente professore Lei Feng. Autrice principale dello studio, del dipartimento di medicina psicologica dell’università.