cancro

La guerra contro il cancro – che può avere varie origini e colpire vari organi – sta cambiando. Se è vero che da un lato le cure stanno diventando più efficaci, è anche vero che dall’altro stanno aumentando i casi e sono sempre più aggressivi.

Ovviamente, la battaglia contro il cancro si combatte in primis con la prevenzione. Ma anche quando il male è purtroppo arrivato, occorre tempestivamente attaccarlo con le adeguate cure. Ma il problema sta proprio in questo.

Gli ospedali dovrebbero iniziare il trattamento del cancro entro 62 giorni dall’invocazione urgente del medico di famiglia. Con un minimo dell’85% dei pazienti che vengono visitati entro questo lasso di tempo.

Tuttavia, i dati relativi a gennaio mostrano le peggiori performance mai registrate. Lo studio è stato condotto in Inghilterra, ma può essere generalizzato. Solo appena il 76,2% dei pazienti viene curato tempestivamente.

 

Cancro, una ricerca in Inghilterra sottolinea i ritardi nelle cure

Il Dr Fran Woodard, direttore esecutivo “of policy and impact” presso Macmillan Cancer Support, ha dichiarato:

“Nonostante i migliori sforzi dello staff del NHS, più di 127.000 persone sono state lasciate ad aspettare troppo a lungo per iniziare un trattamento vitale per tutto quel tempo.”

Una portavoce del NHS ha detto:

“Più persone mai arriveranno per i controlli del cancro, con oltre un quarto su un milione di persone che vengono controllate per il cancro quest’anno e altre migliaia sono trattate entro l’obiettivo di due mesi.”

La stessa persona ha poi dichiarato:

“NHS England sta investendo ulteriori 10 milioni di sterline extra quest’anno per curare le persone. Il NHS Long Term Plan prevede una serie di misure ambiziose per diagnosticare più tumori in tempo. Il che salverà migliaia di vite ogni anno”.