dieta keto

Uptick è un periodico che indaga le mode, le follie e i feticci vecchi e nuovi che stimolano la conversazione. E ora si chiede: chi avrebbe mai immaginato che una dieta ricca di grassi, che ti incoraggia a mangiare il doppio di stinchi di vitello e formaggio blu, avrebbe avuto così successo?

Con una spinta da parte degli influencers di Hollywood e della Silicon Valley, la dieta Keto diventata molto popolare è l’ultimo regime a basso contenuto di carboidrati che promette un fisico da spiaggia con un lato di pancetta.

Quella dieta a basso contenuto di carboidrati, sviluppata dal Dr. Robert Atkins negli anni ’70, spinse i seguaci a ingozzarsi di bistecche e uova fino a raggiungere la chetosi. Quest’ultimo è uno stato in cui il corpo teoricamente brucia i grassi per l’energia. Ma era tutto tranne che semplice.

I devoti dovevano seguire quattro stadi calibrati. Iniziando con l’eliminare i carboidrati, prima di aggiungere metodicamente le mele e il riso integrale (le variazioni successive sono meno strutturate).

Secondo Craig Clarke, keto evangelista e autore, la dieta keto taglia fuori ma non riesce mai a ridurre i carboidrati. Limitandoli a un semplice 5% dell’apporto calorico giornaliero di una persona (rispetto al 50-65% della tipica dieta americana).

In teoria, questo approccio hard-line trasforma il corpo in una fornace che brucia i grassi.

Le star di Hollywood tra cui Halle Berry, Alicia Vikander e Vanessa Hudgens hanno contribuito a rendere una cosa certificabile facendo lampeggiare corpi magri sul tappeto rosso.

Mentre la dieta è tutt’altro che nuova (è stata sviluppata dai medici della Mayo Clinic per curare l’epilessia negli anni ’20), le ricerche di Google per “keto” sono aumentate esponenzialmente intorno al 2017. Mentre le ricerche su “dieta paleo” e “dieta Atkins” sono diminuite.

Un aumento dagli A-listers ha contribuito a trasformarla in un’industria multimiliardaria. Il tutto, grazie agli hashtag su Instagram, che collegano a fisici invidiabili.