grafite mit

Interessante scoperta del MIT utilizzando la grafite. Partono dal fatto che un bollitore di tè bollente diffonde il suo calore per riscaldare gradualmente l’aria circostante. Eppure sarà comunque la parte più calda, anche se anch’essa lentamente raffredda.

Ma cosa succede se il bollitore si è raffreddato a temperatura ambiente quasi istantaneamente, perdendo il suo calore in un’onda che viaggia attraverso il materiale vicino alla velocità del suono?

I ricercatori del MIT hanno osservato questo fenomeno raro e controintuitivo, noto come “secondo suono“, nella grafite. La sostanza del piombo che si trova nelle comuni matite.

Hanno descritto i loro risultati in un articolo pubblicato all’inizio di questa settimana su Science. Non hai mai sentito parlare del concetto di “secondo suono“. Anche se il fenomeno è noto da decenni.

“È stato limitato a solo una manciata di materiali che sono davvero a bassissima temperatura”

ha detto il coautore Keith Nelson. Limitando severamente la sua potenziale utilità.

 

Scoperta MIT sulla grafite offre ottime prospettive future

Con i risultati di questa nuova ricerca, potrebbe essere in procinto di cambiare. La grafite è un materiale molto comune, e l’effetto è stato osservato ad una temperatura relativamente mite (secondo standard di fisica a bassa temperatura) di circa -240 gradi F.

I modelli teorici della squadra indicano che potrebbe essere possibile produrre l’effetto nella grafite in qualcosa di più vicino alla temperatura ambiente in futuro. Aprendo così un numero qualsiasi di potenziali applicazioni pratiche.

Ad esempio, la microelettronica continua a ridursi, rendendo la gestione del calore una sfida scoraggiante. Se sulla grafite la temperatura ambiente potesse rapidamente portare via il calore come onde, potrebbe consentire una miniaturizzazione ancora maggiore.