olio di pesce cuore

Nuovi numeri suggeriscono che un derivato di olio di pesce purificato, un farmaco di prescrizione chiamato Vascepa, è più efficace nel prevenire eventi cardiovascolari di quanto si pensasse in precedenza.

Il farmaco ha abbassato il tasso di questi eventi in pazienti ad alto rischio. Inclusi ictus, infarti e decessi per cause cardiovascolari. Fino al 30% complessivo rispetto al placebo. Secondo uno studio pubblicato lunedì sul Journal of American College of Cardiology.

È meglio di quanto si pensasse in precedenza, in quanto gli autori dello studio prendevano in conto non solo i primi eventi cardiovascolari come prima, ma anche il secondo, il terzo, il quarto evento e così via.

I risultati precedenti sono stati annunciati dal produttore irlandese Amarin Pharma a settembre e poi in uno studio pubblicato a novembre nel New England Journal of Medicine.

“Osservando solo i primi eventi, sottovalutiamo il vero vantaggio di trattamento offerto”

ha scritto l’autore Dr. Deepak L Bhatt ha detto in una dichiarazione lunedì.

“Con questo farmaco, non stiamo solo prevenendo il primo infarto ma potenzialmente il secondo ictus e forse quel terzo evento fatale”

ha detto Bhatt, director of interventional cardiovascular programs presso il Brigham and Women’s Hospital. Nonché professore di medicina alla Harvard Medical School.

 

Olio di pesce, gli effetti positivi contro i problemi cardiovascolari

Secondo questi ultimi dati sugli episodi cardiovascolari, Vascepa ha ridotto i primi eventi di un quarto, secondo e terzo evento di oltre il 30%. E gli eventi successivi di quasi la metà.

I ricercatori hanno stimato che trattando un migliaio di pazienti per cinque anni, potrebbero prevenire 76 rivascolarizzazioni coronariche, 42 infarti, 14 ictus, 16 ospedalizzazioni a causa di angina instabile e 12 decessi correlati a cause cardiovascolari.