Gli scienziati del governo americani, hanno nutrito i gatti del laboratorio con la carne di altri cani e gatti, acquistati nei mercati oltreoceano. Secondo un rapporto di un’organizzazione di advocacy dedicata all’eliminazione di sprechi di spesa nella ricerca.

L’organizzazione sostiene che i gatti da laboratorio, che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ospita un impianto a Beltsville, Maryland, sono stati alimentati con lingue, cervelli e cuori di gatti acquistati in un mercato della carne in Cina.

I cani acquistati dai rifugi in Colombia e in Brasile sono stati uccisi, afferma il rapporto. Poi i loro cervelli, le loro lingue e i loro cuori sono stati dati ai gatti di ricerca.

 

Carne ai gatti, l’obiettivo della macabra ricerca

L’obiettivo èquello di studiare il parassita Toxoplasma gondii, che causa la toxoplasmosi. Una malattia a fiotti che può infettare l’uomo per settimane o mesi.

“Che l’USDA potrebbe, per oltre un decennio, usare i soldi dei contribuenti per andare in giro per il mondo a raccogliere centinaia di gattini e cuccioli. Uccidendoli e dando il cervello ai gatti per esperimenti inutili sottolinea l’inquietante mancanza di responsabilità e trasparenza nell’agenzia”

questa la denuncia di Justin Goodman, vice presidente per la difesa e la politica pubblica al Progetto White Coat Waste. Che ha pubblicato lo studio con l’ex scienziato dell’USDA Jim Keen.

Goodman ha definito la pratica “il cannibalismo del gattino“. James-Denton Wyllie, portavoce del Servizio di ricerca agricola (ARS) presso l’USDA, ha rifiutato di commentare le accuse secondo le quali l’agenzia nutre gatti con la carne di altri cani e gatti.

Ha detto in una dichiarazione che il servizio

“continua a valutare le nostre operazioni su come condurre meglio la ricerca sulla toxoplasmosi”