cancro

WASHINGTON – Gli scienziati si avvicinano a trovare un modo per aiutare i ragazzi che si sottopongono al trattamento per il cancro a preservare la loro futura fertilità – e la prova è la prima scimmia nata dalla tecnologia sperimentale.

Sempre più persone sopravvivono al cancro infantile, ma quasi 1 su 3 resterà sterile dalla chemioterapia o dalle radiazioni che hanno contribuito a salvarne la vita.

 

Un problema ignorato per anni

Quando ai giovani adulti viene diagnosticato un cancro, possono congelare lo sperma, gli ovuli o gli embrioni prima del trattamento. Ma i bambini diagnosticati prima della pubertà non possono farlo perché non stanno ancora producendo ovuli maturi o spermatozoi.

I problemi di fertilità per i bambini malati di cancro sono stati ignorati” per anni, ha dichiarato lo scienziato riproduttore dell’Università di Pittsburgh, Kyle Orwig.Molti di noi sognano di crescere e avere le proprie famiglie, speriamo che la nostra ricerca aiuti questi giovani pazienti a farlo”.

cancro

La squadra di Orwig ha riportato un progresso chiave giovedì: in primo luogo, hanno congelato un po ‘di tessuto testicolare da una scimmia che non aveva ancora raggiunto la pubertà. Successivamente, lo hanno usato per produrre sperma che, attraverso una versione scimmia della FIV, ha portato alla nascita di una scimmia femmina sana di nome Grady.

La tecnica ha funzionato abbastanza bene che i test umani dovrebbero iniziare nei prossimi anni, ha detto Orwig.

 

Non è fantascienza

“È un enorme passo avanti” che dovrebbe dare speranza alle famiglie, ha affermato Susan Taymans dell’Istituto nazionale per la salute infantile e lo sviluppo umano, che ha contribuito a finanziare la ricerca pubblicata sulla rivista Science. “Non è fantascienza, è qualcosa che sembra abbastanza raggiungibile.”

Il Centro medico dell’Università di Pittsburgh e una manciata di altri ospedali già congelano il tessuto testicolare immaturo da giovani pazienti oncologici, nella speranza di sapere come usarlo una volta cresciuti e pronti ad avere i propri figli.

I ragazzi nascono con cellule staminali all’interno di piccoli tubi nei testicoli, cellule che iniziano a produrre sperma dopo la sobbalza del testosterone della pubertà. Obiettivo di Orwig: Mantenere le cellule staminali produttrici di sperma al sicuro dal trattamento per il cancro congelando piccoli pezzi di tessuto testicolare e utilizzandoli per ripristinare la fertilità più avanti nella vita.

Come? Entra in gioco la ricerca sulle scimmie.

 

La ricerca sulle scimmie

La squadra di Orwig congelò i tessuti dalle giovani scimmie maschi e li sterilizzò. Una volta che le scimmie si sono avvicinate alla pubertà, i ricercatori hanno scongelato quei campioni di tessuto e li hanno restituiti all’animale originale, impiantandoli appena sotto la pelle.

Non lo stiamo collegando al normale impianto idraulico“, ha avvertito Orwig.

Spinti dagli ormoni, i piccoli pezzi di tessuto crebbero. Mesi dopo, i ricercatori li hanno rimossi. Di sicuro, dentro c’era lo sperma che potevano raccogliere e congelare.

cancro
Una piccola scimmia, di nome Grady, è nata da una tecnologia sperimentale che mira ad aiutare i giovani ragazzi sottoposti a trattamento antitumorale per preservare la loro fertilità futura nel marzo 2019.

I colleghi dell’Oregon National Primate Research Center hanno iniettato parte di quello sperma negli ovuli delle scimmie e impiantato gli embrioni risultanti. Lo scorso aprile, è nata Grady, e “lei gioca e si comporta proprio come ogni altra scimmia che è cresciuta nel modo normale“, ha detto Orwig.

 

La stessa tecnica per le donne, un po’ più invasiva, ma funziona

Se la tecnica sembra un po’ bizzarra, è simile all’opzione femminile.

Le uova delle ragazze sono in uno stato immaturo prima della pubertà. I ricercatori hanno rimosso e congelato strisce di tessuto ovarico che ospitano i follicoli degli ovuli da giovani donne prima del trattamento del cancro, nella speranza che, una volta trapiantate, gli ovuli immaturi riprendessero lo sviluppo. È considerato sperimentale anche per i giovani adulti ma sono state segnalate alcune nascite. Adesso anche alcuni ospedali raccolgono il tessuto ovarico dalle ragazze.

La chirurgia che coinvolge il tessuto testicolare dei ragazzi è meno invasiva, osserva Orwig, che sta anche cercando modi per reinserire le cellule staminali produttrici di spermatozoi a cui appartengono.

La nuova ricerca mostra che “il tessuto testicolare immaturo può diventare un’opzione” per preservare la fertilità dei ragazzi, Nina Neuhaus e Stefan Schlatt del Centro di Medicina della Riproduzione e Andrologia a Muenster, in Germania, hanno scritto in un editoriale di accompagnamento.

 

Ottime notizie per moltissimi

Nel frattempo, “è importante che i genitori sappiano questo“, ha detto Christine Hanlon di Holiday, in Florida, che ha portato suo figlio Dylan a Pittsburgh per conservare i suoi tessuti quando gli era stato diagnosticato un nuovo sarcoma di Ewing all’età di 9 anni.

cancro

Oggi Dylan è un adolescente sano, e nessuno sa se avrà mai bisogno del tessuto immagazzinato, uno dei più di 200 campioni che lo studio di Orwig ha conservato. Ma Hanlon era entusiasta di apprendere che la ricerca procedesse, per ogni evenienza.

Perdi parte della tua infanzia nella cura del cancro“, ha detto Hanlon. “Se avessi la possibilità di aiutarlo ad avere la normalità nel suo futuro, con il potenziale di avere una famiglia se è quello che deciderà di fare, vorrei esserne in grado.”