equinozio

Molti hanno familiarità con il termine “equinozio” e mercoledì 20 Marzo è stato l’equinozio di primavera che ha segnato l’inizio della primavera astronomica.

Questo è quando il sole passa sopra l’equatore o quando l’equatore è la parte più vicina della Terra al sole, il momento esatto è stato alle 21:59 GMT.

Il termine significa “notte uguale“, quando il giorno e la notte sono presumibilmente della stessa lunghezza di 12 ore ciascuno.

Tuttavia, questa è solo un’impressione e non del tutto vera – la lunghezza ‘quasi‘ uguale è più accurata.

 

Cos’è l’equinozio

In questo particolare momento, la misurazione viene presa da quando il centro del sole è all’orizzonte ed è di 12 ore dall’alba al tramonto e viceversa.

Tuttavia, è il bordo superiore del sole che è visibile prima all’alba e infine al tramonto.

Inoltre, a causa della rifrazione della luce, c’è ancora luce per un tempo quando il sole non è più visibile. Ciò aggiunge tempo extra alle ore diurne.

In primavera, ciò significa che il momento in cui giorno e notte sono effettivamente uguali avviene prima dell’equinozio.

equinozio

Un termine non molto noto

Questo è noto come Equiluce che significa “luce uguale“.

Quest’anno è avvenuto il giorno di San Patrizio, il 17 marzo, tre giorni prima dell’equinozio.

Ci sono naturalmente due equinozi ogni anno, quello d’autunno che cade a settembre mentre il sole torna a sud.

In autunno l’equilibrio cade dopo l’equinozio che quest’anno è il 23 settembre alle 08:50 BST.

equinozio

L’equilibrio autunnale, quando il giorno e la notte sono uguali, seguirà due o tre giorni dopo.

Tecnicamente, significa che durante il periodo di un anno, dovremmo ottenere un po ‘più di luce che di buio.

Tuttavia, ciò che otteniamo in realtà dipende da un altro fattore: il tempo: qualche bella giornata in più non guasterebbe mica!