dio

L’idea di un Dio onnipotente che veglia sugli umani dal cielo e punisce coloro che si discostano dalla norma è emersa dopo esser passati dal concetto di tribù a quello di società. Questa è la conclusione principale di un ampio studio che esamina l’emergere di società complesse e l’idea del dio morale. Dagli antichi egizi all’impero romano, attraverso gli ittiti, gli dei morali entrano in gioco solo quando le società diventano veramente grandi.

La credenza nel soprannaturale è antica quanto gli umani. Ma l’idea di un essere onnisciente attento alla moralità è più recente. Prima delle rivoluzioni del Neolitico, dell’emergere dell’agricoltura e delle società primitive, gli umani vivevano in gruppi relativamente piccoli basati sulla parentela.

Nelle tribù, tutti si conoscevano e sarebbe stato difficile condurre comportamenti antisociali senza essere scoperti. Il rischio di essere individuati, puniti o espulsi dal gruppo era sufficiente per controllare l’individuo. Ma man mano che le società divennero più complesse, le relazioni con estranei al clan crebbero e, allo stesso tempo, le possibilità di sfuggire alle sanzioni.

Per molti studiosi di religioni, l’apparizione di un dio morale che vede tutto è servito come un “collante” per la coesione sociale, facilitando l’emergere di società sempre più grandi. “Ma quello che abbiamo visto è che gli dei moralisti non sono necessari per le collaborazioni su larga scala“, ha detto Harvey Whitehouse, direttore del Centro per lo studio della coesione sociale presso l’Università di Oxford. “Appaiono solo dopo l’iniziale forte aumento della complessità sociale, dal momento che le società raggiungono una popolazione di circa un milione di persone“.

 

La ricerca

Con un gruppo di scienziati, l’antropologo britannico ha analizza 414 entità politiche derivanti dal Neolitico. Nel database, raccolto nel progetto Seshat, ci sono state delle città-stato come Ur nella confederazione vichinga dell’Islanda e imperi come l’Inca e l’achemenide.

Per misurarne la complessità, hanno usato fino a 55 diverse variabili – esistenza di stratificazione e gerarchia sociale, se ci fosse la proprietà privata e la capacità di trasferirla, e lo sviluppo dell’agricoltura e degli eserciti.

I risultati, pubblicati sulla rivista Nature, mostrano che quando apparvero le divinità morali, le società erano già per lo più molto complesse. In effetti, le entità politiche studiate hanno mostrato un aumento medio della loro complessità sociale fino a cinque volte prima dell’arrivo di questi dei che in seguito.

Solo allora il dio morale adempie a una funzione sociale: “Forse è perché a questo punto le società sono così grandi da diventare vulnerabili alle tensioni e ai conflitti interni. Gli dei moralisti hanno offerto alle società un modo per continuare a prosperare nonostante queste tensioni, facendoli cooperare per evitare di offendere un potere superiore attento al comportamento nei confronti degli altri e su cui si pensava di punire i trasgressori“.

Le prime idee di un dio morale sorgono nell’antico Egitto, con la figura di Maat, la figlia del dio Ra. Questo era 2.800 prima dell’era attuale, diversi secoli dopo l’unificazione delle prime città della valle del Nilo. Lo segue nell’elenco cronologico Shamash, il dio del sole che vede tutto nell’impero accadico, mezzo millennio dopo l’emergere delle civiltà mesopotamiche.

Lo stesso schema si osserva con la divinità cinese Tian e le varie divinità dell’Impero ittita, in Anatolia (l’attuale Turchia). Già nel primo millennio prima dell’era attuale apparve Masuda (o zoroastrismo), ebraismo e, nell’attuale era, cristianesimo e islam. Tutte sono religioni con divinità morali che sorgono o si evolvono in società consolidate.

Lo studio mostra che potrebbero esserci società molto complesse senza un dio morale. Questo non significa che non hanno punito gli umani, ma lo hanno fatto non obbedendo alle divinità piuttosto che offendendo altri umani. La maggior parte di queste società proviene dalle Americhe e dall’Asia sudorientale.

 

Gli scienziati ricreano il volto di Dio (ed è un uomo normale)

I sacrifici e le norme di genere degli Aztechi sembrano più concentrati sul servizio universale e miglioramento individuale nella creazione di costumi religiosamente controllati in cui alcuni dei moraleggianti minacciano di punire le azioni interpersonali improprie“, ha detto l’archeologo Alan Covey, l’Università del Texas.

I testi Maya sembrano mostrare, almeno all’interno dei re, che incursioni umane e sacrifici sono stati eventi memorabili, non atti per i quali si può temere una disapprovazione morale soprannaturale“, aggiunge. “Questo si adatta alle caratteristiche generali della visione del mondo andino e alle pratiche dei sacrifici locali e statali dell’Impero Inca“, conclude.

Lo studio va oltre e si prefigge di trovare una connessione tra l’aspetto della scrittura e l’emergere degli dei morali. In 9 delle 12 regioni del pianeta analizzate, i primi documenti scritti appaiono in media 400 anni prima dei primi riferimenti agli dei morali. Questo “suggerisce che queste credenze non erano diffuse prima dell’invenzione della scrittura“, afferma Whitehouse.

D’altra parte, il direttore dell’Istituto per la Scienza della storia umana, il biologo evoluzionista Russell Gray, sostiene che “le prove di dei moralizzatori sono difficili da trovare prima dell’invenzione della scrittura, ma questo non significa che non c’è nessuno. I primi scritti erano principalmente documenti sulle transazioni finanziarie, non sulle credenze religiose“, aggiunge.

Gray è uno dei più grandi sostenitori che la punizione divina intesa in senso lato sia un precursore della complessità politica e sociale. Tuttavia, riconosce che “gli dei morali sono una creazione relativamente recente“.