tesla model 3

Come dice il proverbio: se il nemico è più forte di te, fattelo amico. Ed è ciò che ha fatto Tesla.

Un gruppo di hacker è riuscito a decifrare il Model 3 come parte di una competizione di hacking. E Tesla ha deciso di dar loro l’auto per scoprirne la vulnerabilità.

Come riportato all’inizio di quest’anno, Tesla è la prima casa automobilistica a partecipare a un evento di hacking Pwn2Own, che è gestito da Zero Day Initiative (ZDI) di Trend Micro. La casa automobilistica ha messo a disposizione degli hacker il Model 3 per consentire loro di individuare e sfruttare le vulnerabilità nel sistema del veicolo.

L’evento è avvenuto a Vancouver questa settimana e un team di due hacker è riuscito a trovare un bug nell’ultimo giorno di competizione.

 

Tesla si affida agli hacker per scovare bug e difetti del Model 3

Amat Cama e Richard Zhu del team Fluoroacetate hanno preso di mira il sistema di infotainment sul Model 3 e hanno usato “un bug JIT nel renderer per riuscire a prendere il controllo del sistema.

Per esporre le vulnerabilità e offrire all’automobile l’opportunità di migliorare la sicurezza del suo software, Tesla sta dando loro il Modello 3. Si sta aggiungendo a molti altri premi vinti dal team Fluoroacetate durante la competizione.

Negli ultimi 4 anni, Tesla ha lanciato un programma per scoprire eventuali bug. E, secondo fonti vicine, la società ha regalato centinaia di migliaia di ricompense agli hacker che hanno scovato vulnerabilità nei suoi sistemi.

Il fabbricante d’automobili ha aumentato il suo massimo di investimenti per scovare i bug a $ 15.000 l’anno scorso.