Microsoft ha rilasciato una patch per ricordare agli utenti di Windows 7 che presto non avranno più aggiornamenti. L’aggiornamento dice agli utenti che non saranno in grado di ottenere supporto per questa versione a partire dal 14 gennaio 2020.

E ciò è effettivamente una spinta per passare a un sistema operativo successivo. Non a caso, Microsoft ha esercitato pressioni sulle persone per un lungo periodo di tempo per l’aggiornamento a Windows 10.

Cosa significa veramente fine del supporto? Ogni versione di Windows passa attraverso diverse fasi di supporto. Nel supporto mainstream, ottiene tutti gli aggiornamenti e le patch che ci si aspetterebbe. Ma questa fase termina e a quel punto la versione del sistema operativo passa al supporto esteso.

Ciò fornisce comunque aggiornamenti di sicurezza. Ma gli aggiornamenti non riguardanti la sicurezza non sono più disponibili per i prodotti consumer desktop. Le aziende possono ottenerle solo con il supporto esteso dell’hotfix.

Il supporto Mainstream per Windows 7 senza l’aggiunta del Service Pack 1 (SP1) di Microsoft è terminato il 9 aprile 2013. Gli utenti che avevano installato SP1 hanno ancora trovato il supporto mainstream che termina il 13 gennaio 2015. Da quel momento, gli utenti di Windows 7 SP1 hanno ricevuto un supporto esteso.

La fine del supporto di cui Microsoft a partire dal 14 gennaio 2020 è la fine di quel supporto esteso.

 

Windows 7 non si aggiornerà più: rischi e come rimediare

Microsoft dice che dopo che il supporto esteso terminerà, gli aggiornamenti di sicurezza non arriveranno. Il che significa che la società non rilascerà più patch progettate per eliminare i bug di sicurezza per Windows 7 SP1. Ciò, ovviamente, metterà in pericolo i vostri device.

Quindi, cosa può fare chi usa ancora la settima versione del popolarissimo sistema operativo di Microsoft? Microsoft consiglia vivamente di passare a Windows 10 prima del gennaio 2020 per evitare una situazione in cui hai bisogno di assistenza o supporto che non è più disponibile.

La società ha anche una pagina web che spiega come farlo, insieme a un video. Gli utenti interessati dovrebbero anche aver ricevuto o ricevere un messaggio che spinge in tal senso.