Tolkien

Marquette University – che ha una vasta collezione di opere di J.R.R. Tolkien, come manoscritti, prime bozze, mappe e opere d’arte – vuole ascoltare i fan per un progetto di storia orale che spera di collezionare 6.000 registrazioni.

Perché 6.000 storie orali? Gli aficionados di questo autore lo sanno già. Ma per quanti non hanno mai sentito parlare di uno hobbit, questo è il numero dei cavalieri dei Rohirrim.

Il progetto Tolkien Fandom Oral History è stato lanciato di recente con poca fanfara. Ma si sta diffondendo per includere i fan che non possono venire a Milwaukee, per dare un breve spunto sul perché l’autore del Signore degli anelli sia il più grande autore di sempre. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri, che sembra essere il Tolkien Reading Day. Un evento annuale per incoraggiare la lettura delle sue opere.

Perché il 25 marzo? Questo è il giorno nella timeline di questo fortunato scrittore, quando l’anello è stato distrutto. Tutti sono invitati a partecipare al progetto di storia orale sia che siano fan dei libri o fan dei film, o entrambi.

Che siano elfi, hobbit, umani, nani, maghi o orchi. Probabilmente non gli orchi, che generalmente non sono fan di nulla.

“Marquette è una sorta di luogo di pellegrinaggio per i fan di Tolkien. Pensavo che dovessimo raccogliere le loro voci”

dice William Fliss, curatore della collezione Tolkien di Marquette.

 

Come funziona progetto dedicato a Tolkien

I fan ricevono solo tre minuti per spiegare brevemente perché amano il buon JJR.

Per aiutare le persone a distillare i loro pensieri, Fliss chiede loro di rispondere a tre domande:

  • quando hai incontrato per la prima volta i lavori di J.R.R. Tolkien?
  • perchè sei un fan di questo autore?
  • Cosa ha significato per te?