frutta secca

La demenza è una malattia crudele che deruba le persone della loro memoria, il loro giudizio e la loro identità. Sfortunatamente, non esiste una cura. E negli ultimi anni sono falliti numerosi studi clinici per nuovi farmaci per la demenza, l’ultimo dei quali è il aducanumab della droga di Biogen. Può aiutare la frutta secca?

Senza alcun trattamento efficace all’orizzonte, la migliore speranza della maggior parte delle persone è quella di evitare la demenza in primo luogo. Uno dei segni distintivi della demenza è il declino cognitivo.

Ci sono diversi cambiamenti nello stile di vita che possono rallentare il declino cognitivo, come fare attività stimolanti mentali (cruciverba, imparare una nuova lingua), fare molto esercizio fisico e mantenere una dieta sana. Specialmente un basso contenuto di grassi saturi, carboidrati raffinati e zucchero.

 

Due cucchiaini frenerebbero la demenza senile

L’ultima storia del genere viene dal Daily Mirror, che afferma che mangiare solo due cucchiaini di frutta secca al giorno “aumenta la funzione cerebrale del 60%“.

Se l’affermazione è vera, dovremmo tutti correre a comprare un sacchetto di noccioline, ma questo è quello che effettivamente dice lo studio? L’articolo si basa su uno studio osservazionale pubblicato sul Journal of Nutrition Health and Aging.

Dopo aver valutato le diete di quasi 5.000 adulti in Cina (di età compresa tra 55 e più anziani) per un periodo di nove anni, i ricercatori hanno scoperto una relazione inversa tra la quantità di persone matti mangiato e il grado di declino cognitivo che hanno vissuto.

Coloro che hanno consumato più di 10 g di noci e semi al giorno avevano meno probabilità di mostrare una diminuzione della loro funzione cognitiva rispetto a quelli che ne consumavano meno di 10 g al giorno.

Dei 4.822 partecipanti allo studio, il 67% aveva testato la capacità cognitiva due volte (solo il 16% è stato testato più di due volte nel corso dello studio). Nei casi in cui è stata effettuata più di una misurazione cognitiva, le prestazioni cognitive sono diminuite nel tempo. Ma le persone che hanno mangiato più di 10 g di noci al giorno hanno diminuito la probabilità di questo declino.

Di conseguenza, i risultati suggeriscono che consumare due cucchiaini di noci al giorno può preservare le prestazioni cognitive e può portare a un migliore invecchiamento cognitivo per tutta la vita.