procuste

Nell’ambiente aziendale, è comune che alcune persone si sentano minacciate dagli altri, più “autorizzate”. Per evitare una presunta perdita della propria carriera, finiscono per avere comportamenti che mirano a squalificare, svilire, umiliare e boicottare i loro colleghi. Questi atteggiamenti caratterizzano la cosiddetta sindrome Procuste.

L’origine del nome giace nella mitologia greca. Procuste era un gigante che invitava le persone a trascorrere una serata nel suo letto di ferro. Tuttavia, gli ospiti dovevano adattarsi perfettamente al letto, altrimenti venivano torturati: il proprietario dei mobili “allungava” gli ospiti più bassi e amputava le estremità di chi superava le dimensioni del letto.

Secondo Eva Hirsch Bridges, executive coach ed esperto, le politiche di bonus per molte aziende si concentrano sul breve termine e questo può essere una tra le cause di questo comportamento estremamente tossico, in cui l’operatore vede il collega come un concorrente, costantemente in cerca di squalificare chi gli è accanto e non considerarlo come parte di una squadra che cerca di fare il miglior lavoro possibile insieme e produttivamente. La società ne perde anche con questi atteggiamenti, in quanto si scoraggiano le idee e si impediscono il progresso e l’innovazione.

Lo specialista sottolinea che è importante sapere come differenziare un comportamento isolato dalla sindrome stessa. “Nel mondo in cui viviamo, con un’intensa raccolta e una pressione aziendale sui suoi dipendenti, è normale che alcune persone manifestino queste caratteristiche isolatamente“, afferma. Alcune azioni sono semplici meccanismi di difesa dell’individuo che si sente insicuro sotto pressione. Molte persone sono oberate di lavoro e agiscono, anche inconsciamente, per sentirsi un po’ meglio. Altra cosa è soffrire della sindrome stessa.

Alla luce di ciò, a seguire, 8 segnali grazie al quale riconoscere se il collega soffre della sindrome di Procuste. 

 

1. Non celebra il successo e le conquiste dei colleghi

L’insicurezza e la paura di essere superati dai colleghi contribuiscono a stimolare questa sindrome. Presto, quando percepisce la vittoria di un altro dipendente, la persona si sente estremamente minacciata e non può celebrare qualcosa che non viene compiuta in prima persona. Questo tipo di atteggiamento impedisce la crescita della propria carriera individuale e un maggiore uso del successo dei colleghi.

 

2. Sminuisce gli altri dipendenti

Chi ha bisogno di sminuire l’altro per sentirsi meglio è qualcuno che ha un’immagine negativa di se stesso e che si sente valorizzato solo quando svaluta qualcuno“, dice l’esperto. È necessario capire questa dinamica per non esserne influenzati. Non cercare di fare lo stesso e affrontarlo in modo adulto e professionale. Pagare con la stessa valuta non è la soluzione.

 

3. Omettere informazioni importanti per il lavoro

Questo tipo di comportamento è estremamente dannoso per l’azienda. L’energia che dovrebbe essere indirizzata a trattare con concorrenti reali, come altre organizzazioni, è totalmente sprecata nella competizione interna.

 

4. Non accettare opinioni diverse

A causa dell’insicurezza che prova, cerca di far sembrare le idee degli altri dipendenti assurde.

 

5. Prova avversione alle sfide

Un ambiente altamente stimolante può evidenziare chi soffre di questo male. Per paura di essere superato da altri colleghi, le persone che soffrono di questa sindrome, oltre a presentare le altre caratteristiche, non amano esporsi a determinate situazioni.

 

6. Avvia idee e scoraggia gli altri

L’esistenza di un conflitto di idee è qualcosa di sano, che genera crescita e innovazione dei pensieri, a patto che siano fatti con intenzioni costruttive e collaborative. Quando uno dei professionisti demotiva gli altri come una questione di insicurezza personale, finisce per danneggiare la squadra nel suo insieme.

 

7. Ridicolizza il comportamento dell’altro

È malsano vivere in un ambiente irto di sfiducia e il fastidio causato dal vivere con qualcuno che cerca sempre di offuscare gli altri è estremamente drenante. Nei casi più estremi, questa situazione può causare seri problemi, come depressione, ansia, stress e disturbi fisiologici.

 

8. Accettazione o meno delle opinioni altrui

Poiché si sentono minacciati, le persone con la sindrome di Procuste non accettano le opinioni degli altri. Lo specialista sottolinea anche che piccole divergenze di pensiero non classificano necessariamente la sindrome. Ci vuole cura e discernimento per non confondere disaccordo o critica costruttiva con il presunto sabotaggio.