cervello

Gli allucinogeni potrebbero cambiare il modo in cui il cervello invia i suoi segnali, secondo gli scienziati che hanno dato a dei topi una sostanza psicoattiva.

Dopo aver dosato i topi con un farmaco simile all’LSD, i ricercatori furono sorpresi di scoprire che riduceva l’attività nella loro corteccia visiva: una porzione nella parte posteriore del cervello che aiuta a elaborare le informazioni prese dagli occhi.

 

A cosa miravano gli esperimenti?

I ricercatori speravano che le loro scoperte, pubblicate sulla rivista Cell Reports, potessero aiutare le persone con disturbi mentali per le quali le allucinazioni sono un sintomo, come la schizofrenia. Mentre le allucinazioni uditive sono più comuni in quelle con il disturbo, circa il 27% dei pazienti sperimenta immagini che non sono reali. Altri sintomi debilitanti includono psicosi e deliri.

cervello

Cris Niell, autore principale dello studio e professore associato presso l’Institute of Neuroscience presso l’Università dell’Oregon, ha commentato: “Potresti aspettarti che allucinazioni visive provengano da neuroni nel cervello che sparano come pazzi o da segnali non corrispondenti. Ci siamo sorpresi nello scoprire che un farmaco allucinogeno invece ha portato ad una riduzione dell’attività nella corteccia visiva “.

Nel contesto dell’elaborazione visiva, tuttavia, aveva senso“, ha spiegato, “Capire cosa sta succedendo nel mondo è un equilibrio tra l’assunzione di informazioni e la tua interpretazione di queste informazioni. Se stai mettendo meno peso su quello che sta succedendo intorno a te, ma poi lo sovra-interpreti, questo potrebbe portare ad allucinazioni “.

 

Più vicini alla comprensione delle allucinazioni

Per studiare come il cervello risponde ai farmaci psicoattivi, i ricercatori hanno dato ai topi una sostanza chiamata 4-iodo-2,5-dimetossifenilisopropilammina (DOI). Il farmaco si comporta in modo simile alle droghe ricreative come l’LSD e la psilocibina (i cosiddetti funghi magici). I ricercatori hanno monitorato il modo in cui il DOI interagiva con il recettore della serotonina-2A, che è collegato alle allucinazioni nei farmaci ma anche al cervello di quelli con schizofrenia.

cervello

Il team ha collegato i topi alle attrezzature in modo da poter monitorare l’attività dei loro neuroni dopo che hanno assunto il farmaco, e come sono state mostrate le immagini.

Niell ha sostenuto che lo studio ci avvicina di un passo alla comprensione della causa delle allucinazioni. Successivamente, il team esaminerà la corteccia visiva dei topi in modo più dettagliato. La ricerca che è stata condotta sui topi, tuttavia, non è direttamente correlata all’uomo.

 

Non è il primo studio

L’anno scorso, uno studio separato sull’allucinazione ha studiato come alti livelli di dopamina potrebbero causare allucinazioni uditive nelle persone con schizofrenia.

Il Dr. Guillermo Horga, un assistente professore di psichiatria clinica presso l’Irving Medical Center della Columbia University e coautore di uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, ha commentato all’epoca: “Il nostro cervello utilizza esperienze precedenti per generare aspettative sensoriali che aiutano a riempire le lacune quando suoni o immagini sono distorti o non chiari.

cervello

“Negli individui con schizofrenia, questo processo sembra essere alterato, portando a distorsioni percettive estreme, come l’udire voci che non ci sono. Inoltre, mentre tali allucinazioni sono spesso trattate con successo da farmaci antipsicotici che bloccano il neurotrasmettitore dopamina in una struttura cerebrale nota come striato, la ragione di ciò è stato un mistero, dal momento che questo neurotrasmettitore e la regione del cervello non sono tipicamente associati all’elaborazione sensoriale. “