riso

Se il riso fa parte della routine di preparazione dei pasti, o se ti trovi sempre con gli avanzi, ti consigliamo di seguire queste linee guida sulla sicurezza alimentare per evitare intossicazioni.

Mangiarlo riscaldato può portare ad avvelenamento da cibo se non si presta attenzione dopo averlo prima cucinato. A lanciare l’allarme è il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito.

Ancora, il problema non è riscaldarlo, ma come lo gestisci in primo luogo. Dopo aver cucinato il riso, non lasciarlo riposare per più di un’ora. Se crudo può contenere spore di Bacillus cereus, un batterio che può causare intossicazione alimentare.

batteri possono sopravvivere anche dopo che è stato cotto. E il riso più a lungo viene lasciato a temperatura ambiente, maggiori sono le probabilità che i batteri si moltiplichino. E con esse potenzialmente le tossine del prodotto.

Se si mangia più tardi, si potrebbe finire con un attacco di vomito o diarrea.

Fortunatamente, è abbastanza semplice evitare il rischio.

 

Come evitare di restare intossicati mangiando riso

Opzione 1: cuocere la quantità di riso che si prevede di mangiare e servire subito il riso.

Opzione 2: se lo stai preparando per mangiarlo in un secondo momento, rimettilo via non appena si è raffreddato, dice il NHS. Questo dovrebbe essere fatto entro non più di un’ora. Il riso dovrebbe essere mangiato entro il giorno successivo (quindi non sfruttando i tuoi avanzi tutta la settimana).

Quando lo riscaldate, assicuratevi che lo stia facendo fino in fondo. Inoltre, non si dovrebbe riscaldare il riso più di una volta.

In breve, non lasciare il tuo riso cotto sul bancone per più di un’ora.