hacker rapper.jpg

Gli Hacker sono l’incubo del web. Paragonabili ai pirati di un tempo, pronti ad attaccare navi e pescherecci per derubarli di tutto. Un tempo navigavano nel mare fatto d’acqua. Oggi navigano nel mare virtuale del web.

Gli Hacker sono capaci di attaccare tutti: dalle istituzioni ai piccoli siti web fino ai dati sensibili di Vip o persone comuni.

Mercoledì scorso, un uomo della Georgia si è dichiarato colpevole di aver violato i conti della Apple di diversi famosi musicisti e atleti. E di aver speso migliaia di dollari dai conti delle vittime.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, Kwamaine Jerell Ford, 27 anni, ha ottenuto le credenziali di accesso appartenenti a dozzine di atleti professionisti. Compresi i giocatori NBA e NFL, così come i rapper famosi, attraverso uno schema di phishing.

Ford ha inviato e-mail da indirizzi che fingevano di essere un rappresentante del supporto Apple. Il Dipartimento di Giustizia non ha rivelato chi esattamente è stato violato.

Apple ha ricevuto quello che il Dipartimento di Giustizia ha descritto come “centinaia” di accessi non autorizzati dai conti delle vittime. Dopo aver ricevuto le credenziali di accesso, Ford avrebbe tentato di prendere il controllo degli account cambiando gli indirizzi e-mail e le password. Il che significava che le vittime non potevano accedervi senza l’aiuto di un dipendente Apple.

Il denaro speso migliaia di dollari su tutto, dai mobili e i trasferimenti di denaro alle spese di viaggio.

 

Il caso dell’Hacker dei vip serva da lezione

“Le vittime di alto profilo in questo caso sono un esempio che non importa chi tu sia, hacker come Ford stanno cercando di ottenere le tue informazioni personali”

ha detto l’agente speciale dell’FBI Chris Hacker.

“Questo caso dimostra la necessità di prestare attenzione nella protezione delle informazioni personali e delle password, soprattutto in risposta a e-mail sospette. Speriamo che questa sia una lezione per tutti, non solo per le vittime in questo caso.”

Lo scorso aprile, Ford è stato incriminato per sei volte di frode telematica, frode informatica, frode sui dispositivi di accesso e frodi di identità aggravate.

Nel 2014, almeno quattro hacker si sono infiltrati negli account iCloud delle celebrità e hanno fatto trapelare le loro foto di nudo online. Un evento noto come Celebgate. Quattro hacker sono stati condannati per i loro ruoli a partire dall’agosto 2018.