ipertensione-dieta

L’ipertensione è l’aumento cronico della pressione arteriosa con valori pari o superiori a 140 mm Hg (mercurio), pressione sistolica e pressione diastolica di 90 mm Hg. Si stima che il 42,6% della popolazione adulta soffra di ipertensione e che il 37% dei pazienti ipertesi non sia diagnosticato (in molti casi è asintomatico). Tra quelli diagnosticati, oltre l’88% assume un trattamento farmacologico.

Questi dati indicano che l’ipertensione ha una prevalenza molto elevata, il che provoca una certa preoccupazione, poiché è direttamente associata ad un aumentato rischio di soffrire di malattie croniche come il diabete e di gravi problemi cardiovascolari.

 

Allearsi con frutta e verdura e dire addio a cibi precotti sono due delle chiavi del successo

Le sue cause sono diverse e talvolta sconosciute. Quindi, possiamo avere un valore alto senza sapere perché. Sebbene possa verificarsi anche a causa di diverse patologie renali o endocrine, da un eccesso di stress o peso, da una vita troppo sedentaria o da una dieta scorretta continuata nel tempo.

Dopo aver appreso queste informazioni arriva la buona notizia: modificando la dieta e lo stile di vita, i pazienti ipertesi possono migliorare (e molto) la loro pressione sanguigna. Ciò è confermato da un nuovo studio che è stato appena presentato alla conferenza annuale della American Heart Association, incentrata sulla dimostrazione dei più recenti progressi dell’ipertensione.

 

Tutto è nella nostra dieta mediterranea

In questa nuova ricerca, guidata da Alan Hinderliter, medico e professore presso l’University of North Carolina a Chapel Hill, ha trovato che dopo la dieta DASH e aumentando l’esercizio quotidiano necessario si può controllare l’ipertensione.

DASH è l’acronimo di ‘cibo per strategie di ipertensione’ e si traduce nel “mangiare sano semplicemente, la cosa più vicina ad una dieta mediterranea. Anche se consiglia grassi vegetali, quando abbiamo l’olio d’oliva, questo è infinitamente migliore di altri oli vegetali. Essendo una dieta a basso contenuto di sale, le persone ipertese saranno avvantaggiate logicamente“.

 

Esercizio e dieta varia, connessione infallibile

I risultati sono chiari: dopo 16 settimane, i ricercatori hanno sottolineato che apportare questi miglioramenti allo stile di vita gioverebbe anche a tutte le persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari.

La dieta DASH è nata come tale più di venti anni fa negli Stati Uniti, quando è stato verificato come ridurre il sale nel sangue diminuisca la pressione sanguigna. Da lì, si sono tracciate alcune linee guida molto simili a quelle della dieta mediterranea che, attraverso numerosi studi, hanno dimostrato quanto efficaci siano per controllare l’ipertensione, così come per abbassare il colesterolo nel sangue, per perdere peso e in definitiva per ridurre il rischio di soffrire di problemi cardiovascolari. Quali sono i suoi punti fondamentali?

Il primo, ridurre il consumo di sale al massimo. Non vietarlo totalmente, poiché questo è molto stressante e psicologicamente molto negativo. Si tratta di ridurre gradualmente il sale, poiché i cibi ricchi di sale, ovviamente, dovrebbero essere limitati. Incoraggiare il consumo di frutta e verdura fresca (tre o quattro al giorno), scegliendo i colori più intensi, come spinaci, bietole, pesche. E, quando possibile, mangiarne intera, con la buccia e non solo in succhi, perché perderemmo gran parte della fibra.

Includere verdure, semi e oli vegetali regolarmente nei nostri piatti (nel nostro caso, come ha commentato il medico, niente di meglio che dare risalto all’olio d’oliva). Per quanto riguarda le proteine, scegliere principalmente pesce e carni magre e una o due porzioni al giorno.

 

Dieta tipica

Colazione: latte scremato, pane con olio e pezzetti di frutta.
Metà mattina: yogurt con frutta e cereali.
Pranzo: spinaci con funghi, pollo all’arancia e frutta.
Spuntino: biscotti con formaggio magro.
Cena: patate in umido con porri, fettina grigliata, pane e frutta.