adolescenti

Le esperienze psicotiche – come sentire voci o la paranoia estrema – sono più comuni negli adolescenti che vivono in città ad alto inquinamento rispetto a quelli che vivono nelle aree rurali, come suggerisce uno studio condotto da giovani in Inghilterra e Galles.

Gli scienziati dicono che la loro ricerca potrebbe fornire possibili indizi sul perché i bambini nelle aree urbane hanno più probabilità di sviluppare disordini psicotici in seguito.

Ma avvertono che è necessario molto più lavoro per essere certi del collegamento.

Gli scienziati del King’s College di Londra hanno seguito circa 2000 adolescenti che vivono in aree urbane, semiurbane e rurali.

Quasi un terzo (623) ha riferito di aver vissuto almeno una esperienza psicotica tra i 12 ei 18 anni – ad esempio sentendosi come se la gente li spiava o sentiva voci che nessun altro poteva sentire.

 

Giungla urbana

I ricercatori hanno confrontato le loro risposte a stime dettagliate dell’inquinamento atmosferico che ogni adolescente ha affrontato in un anno.

  • Nelle aree con i più alti livelli di gas inquinanti (ad esempio aree interne della città vicino a strade trafficate), c’erano 12 adolescenti che riferivano esperienze psicotiche per ogni 20 che non ne avevano avute.
  • In aree con livelli più bassi di gas di ossido di azoto, ce ne sono stati solo sette che hanno riportato esperienze psicotiche per ogni 20 che hanno dichiarato di non averle avute.

adolescenti

Gli scienziati dicono che i risultati sono rimasti fermi anche quando hanno preso in considerazione altre questioni che possono contribuire a episodi psicotici – tra cui una storia familiare di problemi di salute mentale, privazione sociale, alcol e droghe.

La ricercatrice principale, la dott.ssa Joanne Newbury, dell’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che le esperienze psicotiche adolescenziali erano più comuni nelle aree urbane“.

Ha aggiunto che mentre lo studio non ha potuto dimostrare che gli inquinanti hanno causato gli episodi, “i nostri risultati suggeriscono che l’inquinamento atmosferico potrebbe essere un fattore che contribuisce al legame tra la vita di città e le esperienze psicotiche”.

 

Come può l’inquinamento essere connesso alla salute mentale?

I ricercatori dicono che mentre lo studio non dimostra che l’inquinamento atmosferico causa esperienze psicotiche, si aggiunge alla crescente evidenza che l’inquinamento atmosferico può avere effetti più ampi sul corpo oltre il cuore e i polmoni.

Essi ipotizzano che minuscole particelle di inquinamento atmosferico possano oltrepassare i polmoni e finire nel sangue per poi trasferirsi al cervello. Lì potrebbero innescare l’infiammazione e contribuire a una cattiva salute mentale.

adolescenti

Un’altra teoria è che le sostanze chimiche che ricoprono queste particelle potrebbero dissolversi nel sangue e essere trasportate al cervello e causare nuovamente infiammazione.

Il team di ricerca afferma che l’inquinamento acustico potrebbe spiegare parzialmente anche il collegamento: ad esempio il traffico rumoroso potrebbe disturbare il sonno e aumentare lo stress della vita cittadina. Ma non erano in grado di misurarlo direttamente.

Sebbene non sia sempre possibile, gli esperti suggeriscono di utilizzare le strade secondarie e di tenersi lontani dalle strade più trafficate quando il traffico è più intenso.

 

Quanto sono sicuri del collegamento?

Gli scienziati hanno stimato quattro inquinanti all’aperto; i gas diossido di azoto, ossidi di azoto e particolato – PM2,5 e PM10 – in casa e in due luoghi in cui gli adolescenti spesso trascorrono il loro tempo – ad esempio scuole, lavoro e negozi.

E mentre i ricercatori dicono di aver preso in considerazione altri fattori come l’alcol e la droga, riconoscono che è impossibile essere sicuri di aver preso in considerazione tutto.

Il dott. Daniel Maughan, del Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato:Mentre la carta non ha dimostrato che l’inquinamento atmosferico causa psicosi, i risultati sono preoccupanti poiché suggeriscono che l’aumento dei tassi di psicosi nelle aree urbane sono potenzialmente legati all’inquinamento atmosferico.

adolescenti

“Abbiamo bisogno di un approccio radicale all’inquinamento atmosferico poiché è molto probabile che danneggi la salute mentale di giovani e anziani”.

Nel frattempo il prof. Andreas Meyer-Lindenberg, dell’Università di Heidelberg, ha dichiarato: “Sebbene si tratti di uno studio attento di una grande coorte, va tenuto presente che i ricercatori non hanno effettivamente misurato, ma hanno modellato, la qualità dell’aria e non potevano nemmeno sapere quando i partecipanti erano dove.

“Inoltre, la maggior parte delle prove evidenzia la rilevanza della prima infanzia nel rischio di psicosi, un periodo che lo studio non copriva.

“Mentre gli autori hanno esaminato molti potenziali fattori che potrebbero influenzare la qualità dell’aria e il rischio di psicosi, come lo stato socio-economico del vicinato, i risultati dovrebbero essere replicati in un contesto in cui l’inquinamento e la posizione vengono misurati direttamente prima di trarre conclusioni definitive.”

 

Psicosi o esperienze psicotiche?

I ricercatori dicono che guardavano specificamente agli adolescenti, perché i loro cervelli in via di sviluppo sono più vulnerabili alle esperienze psicotiche. Considerano queste forme più lievi delle esperienze che hanno le persone, che continuano a sviluppare disturbi come la schizofrenia in età adulta.

Gli adolescenti che li hanno sono più probabili – sebbene certamente non garantiti – a sviluppare disordini psicotici in età avanzata. Quindi gli scienziati dicono che identificarli in questa fase potrebbe fornire l’opportunità di intervenire in anticipo.

Ma rassicurano i genitori sul fatto che i disturbi psicotici a lungo termine sono rari e la maggior parte degli adolescenti che attraversano queste esperienze non vanno avanti per svilupparli.