social giovani

Il Royal College of Psychiatrists (CPR) ha detto che a tutti i giovani pazienti dovrebbe essere chiesto circa il loro tempo passato dinanzi allo schermo e le abitudini di visualizzazione.

In quanto sospettano un possibile legame tra scarsa salute mentale e contenuti visti online.

Ha anche affermato che i contenuti online dannosi come immagini di autolesionismo o il materiale che promuove i disturbi alimentari, potrebbero comportare una malattia mentale esistente.

Condizioni come la depressione possono anche aumentare nei figli
probabilità di trascorrere del tempo online. Mentre l’uso della tecnologia potrebbe portare a poco sonno, insufficienza d’impegno a scuola, problemi comportamentali e problemi alimentari. Afferma sempre il centro.

 

Il problema della dipendenza dai Social nei giovani

Dr Bernadka Dubicka, presidente del Child and adolescent
faculty at the RCP, ha dichiarato:

“Anche se riconosciamo che social media e tecnologia non sono i principali responsabili della malattia mentale nei giovani. sappiamo però che sono una parte importante della loro vita e può essere dannoso in alcune situazioni.”

Poi ha concluso:

“Come medico in prima linea, vedo regolarmente i giovani che si sono feriti deliberatamente dopo aver discusso sulle tecniche di autolesionismo online”.

All’inizio di questo mese, i parlamentari inglesi hanno detto che la dipendenza dai social media dovrebbe potenzialmente essere classificato come una malattia. Come hanno chiesto di nuovo
regolamenti per proteggere i bambini da un “Wild West online“.

Hanno detto piattaforme come Facebook, Twitter e Instagram
dovrebbero essere regolate da Ofcom e costrette ad aderire ad un
codice di condotta statutario.

Le preoccupazioni sono cresciute riguardo ai contenuti grafici online, compreso il materiale con suicidio e autolesionismo.

All’inizio di quest’anno, il padre di Molly Russell, 14 anni , che ha preso la sua stessa vita nel 2017, ha detto che Instagram aveva “aiutato a uccidere” sua figlia.