Immagina di voler giocare ad gioco della scorsa generazione videoludica, ad esempio, Far Cry 3. Cosa facevi? Beh, ci saranno alcuni che risponderanno con “vado in negozio e lo compro“, altri che saranno passati alle copie digitali, spesso in offerta a prezzi vantaggiosissimi. Quando compri un gioco, via internet o di persona, fai il patto col venditore che quel gioco sarà tuo per sempre. Questa è una “feature” del mercato di videogames che Google Stadia minaccia di distruggere, e ciò preoccupa.

 

Google è brava a risolvere problemi tecnici

Delle limitazioni tecniche di Google Stadia se ne sente parlare molto. Gli utenti avranno bisogno di una certa quantità di larghezza di banda per un’esperienza piacevole, e anche se Google dice che ha risolto le cose, per il momento i conti non tornano; il tipico ragazzo italiano o americano che sia non ha una connessione internet così buona per gestirla al meglio. Le preoccupazioni non vengono dai problemi tecnici: nelle loro risoluzioni Google ha già una buona esperienza alle spalle.

Per cominciare, come detto sopra, l’italiano medio probabilmente ha la larghezza di banda per trasmettere un gioco da Google. Non necessariamente uno streaming HDR 4K, ma uno che è “abbastanza buonoper una persona media. Gli appassionati e gli esperti di Internet sembrano dimenticare che la maggior parte delle persone gioca ai giochi in maniera casual e uno stream in 720p di un titolo preferito o nuovo soddisferà. Alcuni colpiranno un limite di dati o scopriranno che non possono giocare a causa della scarsa connessione, ma la maggior parte andrà bene. E la maggior parte è ciò a cui Google sta puntando con questo progetto; la compagnia sa che non è possibile portare Stadia in ogni casa, anche se lo desidera.

 

I problemi relativi alla rete non sono un problema, se sei disposto a pagare

I problemi di latenza potrebbero essere gestiti da Google con installazioni di piccoli data center ovunque. La latenza è una parte importante dell’esperienza come le immagini, e gli sviluppatori di Google Stadia lo sanno. Nessuno vuole premere un pulsante e aspettare che un gioco faccia qualcosa. È possibile risolvere questo problema con un enorme tubo per i dati o mettendo un server più vicino all’utente finale. Google ha il denaro e l’esperienza per fare meglio di chiunque altro.

Non sarà difficile per Google ottenere milioni di occhi su Google Stadia, e ci sono buone probabilità che sia abbastanza buono da tenerli impegnati. Anche se non si hanno tutti i dettagli sui prezzi o alcun tipo di modello di abbonamento, si sa come funziona: pagate Google X euro al mese per giocare a tutti i vostri giochi preferiti dagli sviluppatori che salgono sul treno di Stadia. E questa è la parte di tutto ciò che preoccupa.

Una volta trasformato qualsiasi cosa in un servizio di abbonamento mensile ricorrente, chi fornisce questi tipi di servizio spesso ha solo da guadagnare. Almeno ciò si verifica se si tratta di un servizio di successo come lo streaming di musica o video. Netflix o Spotify non sono enti di beneficenza; entrambi fanno un sacco di soldi offrendo contenuti abbastanza buoni per milioni e milioni di abbonati. Google lo sa, così come le società che sviluppano e distribuiscono giochi. C’è una ragione per cui Sony ha cercato di spingere un’idea simile e Microsoft prevede di andare all-in con la prossima Xbox. Il motivo di ciò è il denaro.

 

Giochi a quello che ti diciamo noi, quando te lo diciamo noi

Il problema di base è presto detto. Immagina di voler giocare ad un gioco nuovo, come ad esempio il prossimo Borderlands (del quale è uscito in questi giorni un trailer), o il prossimo Elder Scrolls. Se non siete fan di questi giochi, scambiate i nomi con le vostre serie di videogiochi preferite e fatevi la domanda: e se volessi giocare ad X gioco nuovo? Immaginate che esista un modo per delle case editrici di titoli tripla A non seguire la strada dei soldi e decidere di non aderire al modello a sottoscrizione mensile proposto con Google Stadia. Esatto, non accadrà, e ciò significa che sarà il publisher a decidere quando potrai giocare al tuo titolo preferito.

Ogni business ha come obiettivo quello di fare soldi, e ci sono modi migliori per farli piuttosto che vendere dischi o offrire download digitali. Google potrebbe dare uno scossone a tutto questo, e creare un nuovo ecosistema videoludico che è utile solo alle aziende che aderiscono. Ciò mette i giocatori alla loro mercé, e nessuno vorrebbe stare in questa posizione.