archeologia

Gli archeologi dissotterrarono molto presto quello che potrebbe essere il monastero della principessa Aebbe che nacque pagano ma, in seguito, diffuse il cristianesimo lungo la costa nord-est della Britannia durante il settimo secolo.

Quando la principessa cristiana divenne badessa, stabilì il monastero a Coldingham, un villaggio nel sud-est della Scozia. Ma il monastero durò solo poco tempo: i vichinghi invasori lo distrussero nell’870.

Gli archeologi hanno cercato i resti di questo monastero per decenni. Gli scavatori ora hanno individuato un fossato stretto e circolare, che è probabilmente il vallum – il confine che circondava l’insediamento religioso. L’annuncio è stato fatto da DigVentures, un gruppo britannico guidato da archeologi e supportato dal crowdfunding. I Vallum non erano necessariamente strutture di difesa profonde e intimidatorie, ma piuttosto un indicatore simbolico per mostrare che si stava entrando in un luogo venerato o spirituale“, ha detto Maiya Pina-Dacier, a capo di DigVentures.

Fuori dal confine, gli archeologi hanno fatto un’altra sorprendente scoperta: un gigantesco mucchio di ossa di animali macellati, tra cui bovini, cavalli, maiali, pecore, capre, pollame e cervi. Dati del radiocarbonio datavano queste ossa dal 664 al 64 – esattamente il periodo in cui il monastero sarebbe stato operativo. “Questo è esattamente il periodo in cui il monastero di Aebbe è esistito”, ha detto Manda Forster, program manager di DigVentures . “Originariamente costruito intorno al 640, si dice che sia stato bruciato poco dopo la sua morte, ma sia stato ricostruito e prosperato fino a quando fu distrutto ancora una volta dagli invasori vichinghi 200 anni dopo“.

 

Una ricerca che ha radici nella storia

In precedenza, altri archeologi hanno perquisito il monastero in una posizione in cima alla scogliera a Coldingham, a picco sul mare. Ma nessuno di questi esperti è stato in grado di trovare prove concrete di un ampio e ricco monastero anglosassone.

La posizione appena scoperta si trova nell’entroterra vicino al Priorato di Coldingham, una dimora storica per i monaci benedettini. DigVentures deciso di scavare lì perché questo sito ha ospitato diverse strutture archeologiche. Inoltre, vari reperti – tra cui frammenti di una cintura anglosassone, frammenti di intaglio e possibili sepolture dei primi cristiani – sono stati trovati in questa zona.

Ha senso che il successivo monastero benedettino sia stato costruito sul sito del suo predecessore anglosassone“, ha detto Forster. Finora, gli scavi indicano che i resti dei monasteri di Aebbe si trovano sotto il Priorato di Coldingham. “Aebbe è una figura straordinaria – un esempio di una potente donna anglosassone che ha svolto un ruolo importante nello stabilire il cristianesimo nella regione durante il 7° secolo“, ha detto Forster. “Ora che abbiamo prove per identificare esattamente dove fosse il monastero, possiamo contribuire a riportare in vita la sua storia“.

Ad esempio, gli scienziati sanno che la principessa, che era la figlia di un capo militare della Northumbria, fuggì con i fratelli dopo che suo padre fu ucciso. Andarono a Dal Riata, un regno gaelico che era ricopriva il ruolo di centro del cristianesimo primitivo. Poco dopo il loro arrivo, la famiglia abbandonò il paganesimo e si convertì.

Quando il fratello Oswald tornò a reclamare il trono di Northumbria nel 635, Aebbe lo accompagnò, decisa a convertire i suoi sudditi al cristianesimo. Nel frattempo, Oswald creò il famoso monastero di Lindisfarne che, come il monastero di sua sorella, fu in seguito invaso dai Vichinghi.