alghe-inquinamento

Un team di ricercatori dell’Università di Aveiro ritiene che i pidocchi possano essere la soluzione per pulire le acque inquinate. Il team di scienziati ha scoperto che i pidocchi del mare possono rimuovere elementi tossici nocivi per la salute umana e l’ambiente.

Bruno Henriques spiega che questa tecnologia “si basa sull’uso di macroalghe vive e si è dimostrata più efficiente, sostenibile, economica ed ecologica rispetto alle tecnologie convenzionali per il trattamento dell’acqua contaminata“.

L’obiettivo del team di ricercatori portoghesi è quello di valutare la capacità delle alghe verdi, comunemente note come lattuga di mare, di decontaminare le acque reflue con una simulazione in laboratorio, con elevata forza ionica e diversi contaminanti classici (arsenico, piombo, cadmio, ecc.), alcuni dei quali sono stati identificati come prioritari dalla direttiva quadro europea sulle acque.

 

Un’alga speciale

Rispetto ad altri materiali utilizzati per lo stesso effetto, questa alga ha avuto un tasso di successo più alto. “Queste alghe sono un’alternativa efficiente perché rimuovono alte percentuali di contaminanti in un breve periodo di tempo, la metodologia è economica e più ecologica rispetto ai metodi classici per la rimozione di questi elementi, che sono meno efficaci e spesso più costosi“, ha commentato lo scienziato.

Lo studio ha specificato che ogni grammo di questo alghe può rimuovere, contemporaneamente, 120 ug (microgrammi) di mercurio, 160 ug di cadmio, 980 ug di piombo 480 ug di cromo, 660 ug nichel, 550 ug di arsenico, 370 ug di rame e 2000 μg di manganese. Dato che questi elementi continuano ad essere utilizzati da varie industrie, questo risultato è un passo importante nella lotta contro le acque inquinate.

Le alghe possono eseguire questa “pulizia” attraverso l’assorbimento, un processo mediante il quale i pidocchi di mare sono in grado di incorporare contaminanti nei loro tessuti.

Oltre a tutti questi vantaggi, gli scienziati hanno sostenuto che le alghe permettono di ridurre il contenuto di fosfati e nitrati nell’acqua e di utilizzare l’anidride carbonica come fonte di carbonio, permettendo di ridurre l’impronta di carbonio.

La lattuga di mare può essere coltivata direttamente presso i siti interessati da scarichi di elementi potenzialmente tossici se le condizioni sono appropriate e coltivate in un altro luogo, per poi essere trasportate nei siti da decontaminare.

In futuro, gli scienziati vogliono “capire più in dettaglio i meccanismi per spiegare il processo di cattura e l’accumulo di questi elementi di macroalghe, estendere lo studio ad altri tipi di contaminanti e implementare soluzioni basate su macroalghe vivere nel mondo reale“.