Insulina

Quando l’inventore Frederick Banting scoprì l’insulina nel 1923, si rifiutò di mettere il suo nome sul brevetto. Sentiva che non era etico per un medico trarre profitto da una scoperta che avrebbe salvato delle vite. I co-inventori di Banting, James Collip e Charles Best, hanno venduto il brevetto di insulina all’Università di Toronto per un umilissimo dollaro. Volevano che tutti quelli che avevano bisogno del loro farmaco potessero permetterselo.

Oggi Banting e colleghi si girerebbero nelle loro tombe: il loro medicinale, su cui fanno affidamento molti dei 30 milioni di persone con diabete solo negli Stati Uniti, è diventato il testimonial per l’aumento dei prezzi dei prodotti farmaceutici.

 

I costi triplicati nell’ultimo decennio

Il costo dei quattro tipi più popolari di insulina è triplicato nell’ultimo decennio e i costi di prescrizione out-of-pocket per i pazienti che stanno affrontando ora sono raddoppiati. Entro il 2016, il prezzo medio dell’insulina è salito a 450$ al mese e i costi continuano ad aumentare, tanto che ben una persona su quattro con diabete sta risparmiando o saltando le dosi salvavita.

I membri del Congresso hanno esercitato pressioni sulle aziende farmaceutiche e i manager delle prestazioni farmaceutiche per tenere sotto controllo i costi dell’insulina. E mercoledì, una società di assistenza sanitaria ha dimostrato che sta tentando di rispondere al problema.

Insulina

 

Un nuovo programma in America

Il colosso dell’assicurazione Cigna, e il suo braccio di vantaggio per le farmacie Express Scripts, hanno annunciato un nuovo programma che coprirà il costo di insulina a 30 giorni a 25$. Si tratta di una riduzione del 40% rispetto alla tariffa di 41,50$ al mese con i vantaggi di Express Scripts che stavano pagando nel 2018.

Il programma dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno per i piani assicurativi che funzionano con i vantaggi di Express Scripts. Entro il prossimo anno, tutti i pazienti diabetici sui piani di Cigna potranno aderire, secondo il Washington Post. Potrebbe interessare fino a 700.000 pazienti che fanno affidamento su Cigna o Express Scripts per la copertura di insulina e si applicheranno anche prima che abbiano raggiunto la loro franchigia.

Insulina

Ma ci sono diverse prese qui. Affinché i pazienti di Cigna possano partecipare, i loro datori di lavoro dovranno optare per il cambio di piano, Stat ha riportato. E Cigna è solo una delle tante compagnie di assicurazione là fuori, che copre meno dell’1% dei 23 milioni che vivono con il diabete in America.

Qualsiasi misura che aiuti solo una parte della popolazione attraverso accordi opachi tra i responsabili di questa crisi non è una soluzione”, ha detto a Vox Elizabeth Pfiester, fondatrice e direttrice del gruppo di pazienti T1International. “Abbiamo bisogno di garanzie a lungo termine che i produttori saranno ritenuti responsabili e i prezzi saranno accessibili – non un altro Band-Aid”.

La maggior parte dei pazienti con diabete è ancora vulnerabile ai capricci dei prezzi delle compagnie farmaceutiche, poiché le aziende possono ancora fissare i prezzi a qualunque livello desiderino. E nessun farmaco è migliore per capire come è successo rispetto all’insulina.

 

Come le compagnie giustificano l’aumento dei prezzi per l’insulina

Con il diabete di tipo 1, che colpisce circa il 5% delle persone con diabete negli Stati Uniti, il sistema immunitario attacca le cellule produttrici di insulina nel pancreas, lasciando il corpo con poco o nessun ormone. Con il diabete di tipo 2, il pancreas produce ancora insulina, ma il corpo è diventato resistente ai suoi effetti. In entrambi i casi, i pazienti fanno affidamento sui farmaci insulinici per mantenere l’energia dal cibo che scorre nei loro corpi.

Ma gli Stati Uniti sono un outlier globale sul denaro speso per i farmaci, rappresentando solo il 15% del mercato globale dell’insulina e generando quasi la metà del reddito insulinico dell’industria farmaceutica. Secondo un recente studio della JAMA Internal Medicine, negli anni ’90 Medicaid ha pagato tra 2,36$ e 4,43$ per unità di insulina; entro il 2014, tali prezzi sono più che triplicati, a seconda della formulazione.

Insulina

I dottori e i ricercatori che studiano l’insulina dicono che è un altro esempio – insieme a EpiPens e farmaci generici vecchi di decenni – di aziende che aumentano il costo dei loro prodotti a causa del lassismo normativo intorno al prezzo dei farmaci. “Lo stanno facendo perché possono farlo”, ha detto a Vox Jing Luo, ricercatore presso Brigham and Women’s Hospital nel 2017, “ed è spaventoso perché accade in tutti i tipi di diversi farmaci e classi di farmaci”.

Nei paesi con sistemi sanitari a pagamento unico, i governi esercitano molta più influenza sull’intero processo di assistenza sanitaria.

 

Questa è la situazione negli States, ma nel resto del mondo?

In Inghilterra, per esempio, il governo ha un’agenzia che negozia direttamente con le compagnie farmaceutiche. Il governo stabilisce un prezzo massimo che pagherà per un farmaco, e se le aziende non sono d’accordo, semplicemente perdono l’intero mercato. Questo mette le case farmaceutiche in svantaggio, facendo abbassare il prezzo dei farmaci.

Gli Stati Uniti non lo fanno. Invece, l’America ha da tempo adottato un approccio al mercato libero per i prodotti farmaceutici.

Insulina

Le compagnie farmaceutiche contraggono separatamente i prezzi dei farmaci con una varietà di assicuratori privati ​​in tutto il paese. Nel frattempo, Medicare, il programma sanitario governativo per gli ultrasessantacinquenni, che è anche il maggior acquirente di droghe della nazione, è in realtà vietato dal negoziare i prezzi dei farmaci.

Ciò dà al settore farmaceutico una maggiore influenza e porta al tipo di aumento dei prezzi che abbiamo riscontrato con EpiPens, i recenti antidoti oppioidi e l’insulina.

Produttori di insulina come Eli Lilly, che ha aumentato i prezzi ogni anno dal 2014, dicono che gli aumenti sono solo il prezzo che viene fornito con l’innovazione – creando formulazioni di insulina più efficaci per i pazienti.

 

Non è chiaro dove sia questo miglioramento

Secondo un articolo del Lancet del 2017 sull’aumento del prezzo dell’insulina, “le insuline più vecchie sono state successivamente sostituite con prodotti nuovi e migliorati in modo incrementale coperti da numerosi altri brevetti.” Il risultato è che oltre il 90 percento dei pazienti assicurati privatamente con diabete di tipo 2 in America sono prescritte le ultime e più costose versioni di insulina.

Ma non è chiaro se queste nuove formulazioni siano miglioramenti significativi di quelle più vecchie, i ricercatori hanno scritto: “I dati non sono definitivi sul fatto che gli analoghi di insulina oggi usati siano più sicuri o più efficaci per la maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2 rispetto alle insuline umane ampiamente utilizzate gli anni ’90, per i quali sono scaduti i principali brevetti. “

Insulina

Luo, l’autore principale del giornale Lancet, non trova molto convincente l’argomento delcosto dell’innovazione“. Nella sua ricerca, ha trovato molti esempi degli stessi prodotti di insulina che sono stati continuamente disponibili per anni senza miglioramenti, eppure i loro cartellini dei prezzi sono aumentati ad un tasso molto più alto dell’inflazione.

“Il prezzo di listino di questi prodotti è già fuori portata per la maggior parte degli americani che vivono con il diabete – in alcuni casi, più di $ 300 una fiala”, ha detto. “È anche strano vedere che Humulin ha ancora un prezzo di oltre $ 150 una fiala considerando che questo prodotto è stato vendutoper la prima volta negli Stati Uniti nel 1982.” 

 

Le cause farmaceutiche lo fanno perché possono

Quindi il problema dei prezzi dei farmaci per l’insulina è molto più grande di quello che Cigna da solo può aggiustare. Ma altri cambiamenti nel mercato potrebbero essere all’orizzonte.

I tre principali produttori di insulina – Eli Lilly, Novo Nordisk e Sanofi – testimonieranno davanti alla sottocommissione per la supervisione della Camera dell’energia e del commercio la prossima settimana, concentrando maggiormente l’attenzione sulla questione. I legislatori, tra cui il presidente Chuck Grassley (R-IA) e Ron Wyden (D-OR), hanno anche indagato sul problema e inviato lettere alle compagnie farmaceutiche chiedendo loro di rendere conto dei loro scandalosi aumenti dei prezzi.

Ma mentre la pressione intorno all’insulina può essere crescente, stiamo anche assistendo al terribile impatto dell’aumento dei prezzi dell’insulina sui pazienti: le persone sono costrette a ridurre l’insulina in modo che possano pagare le loro spese mediche – e liquidare con insufficienza renale, cecità o persino la morte.

Insulina

Una soluzione chiara al problema sarebbe quella di portare sul mercato una versione generica di insulina. Al momento non sono disponibili opzioni generiche reali – sebbene ci siano diverse insuline rebranded e biosimilari – in parte perché le aziende hanno apportato miglioramenti incrementali ai prodotti insulinici, che ha permesso loro di mantenere le loro formulazioni sotto brevetto e perché le formulazioni di insulina più vecchie sono cadute di moda.

Ma la storia ha dimostrato che quando vengono introdotte sul mercato opzioni generiche più economiche, i prezzi complessivi del farmaco diminuiscono. “Non ci sono concorrenti generici per nessuna delle insuline di Eli Lilly”, ha detto Luo. Un secolo dopo che l’insulina è stata scoperta, è ora che se ne abbia uno, perlomeno.