coralli

La Grande Barriera Corallina in Australia è stata duramente colpita dalle calde acque oceaniche nel 2016 e nel 2017, causando disastri uno dopo l’altro pieni di una estesa devastazione del corallo. Durante le ondate di calore marine, i coralli sono costretti ad espellere i simbionti monocellulari che fotosintetizzano al loro interno. Questo lascia ai coralli un pallido colore bianco, un processo chiamato “sbiancamento“.

Se questo sbiancamento dura troppo a lungo, i coralli muoiono. Questo è quello che è successo lungo gran parte della Grande Barriera Corallina (l’estremità meridionale ha in gran parte evitato lo sbiancamento). E se la barriera corallina non si riprende rapidamente, potrebbe soffrire di un degrado a lungo termine.

La domanda posta con le dita incrociate fermamente era se le barriere coralline avrebbero trovato un modo per riprendersi rapidamente, ripopolando con una nuova generazione di coralli. Sfortunatamente, un nuovo studio pubblicato questa settimana mostra che i dati del primo anno non sono incoraggianti.

coralli

Dopo lo sbiancamento

Un gruppo guidato da Terry Hughes di James Cook University ha usato pannelli che sono stati progettati per raccogliere e contare i coralli piccoli, indicati come “reclute“. Poiché questo è stato fatto dal 1996, il primo gruppo di reclute dopo lo sbiancamento può essere paragonato agli anni precedenti.

Parte di questo metodo non è solo il conteggio totale, ma il monitoraggio dell’equilibrio delle diverse specie. Esistono due categorie di coralli che differiscono nel loro protocollo sessuale: “brooders” e “spawners“. I brooders concimano le uova internamente, liberando le larve che viaggiano solo per circa un giorno prima di stabilirsi in un posto per fare una corsa alla vita. Gli spawner liberano il loro sperma e le loro uova in balia della corrente, con uova fecondate che viaggiano fino a una settimana prima di aprire bottega.

coralli

Nella Grande Barriera Corallina, quasi tutti i coralli sono spawner come la ramificazione di Acropora. I mutuatari svolgono un ruolo minoritario.

Complessivamente, nel 2018 si è verificato un drastico calo delle reclute, con una diminuzione media dell’89% (la parte più meridionale della barriera corallina, che non era molto sbiancata, ha avuto un raccolto eccezionale). I numeri variano un po’ da un posto all’altro, ma la cosa sorprendente è la differenza sistematica tra spawners e brooders. Le reclute di riproduttori sono diminuite del 93% in media, mentre le reclute di covata sono diminuite solo del 63%.

Il diverso declino tra riproduttori e riproduttori ha fatto sì che le reclute del 2018 abbiano invertito il solito mix. Gli allevatori storicamente meno comuni hanno effettivamente rappresentato la maggior parte delle reclute l’anno scorso. La ragione del declino è semplice: questi numeri sono in correlazione con la porzione di corallo adulto morta durante lo sbiancamento.

coralli

Nessun riparo

Mentre potresti sperare che il rifugio dei coralli sopravvissuti all’estremità meridionale della barriera corallina possa aiutare a ripopolare il resto, purtroppo non è così. Per la maggior parte della barriera corallina, la distanza è troppo lontana e le temperature dell’acqua sono abbastanza diverse da far sì che il sud abbia diversi coralli.

Questi eventi di sbiancamento back-to-back hanno avuto un impatto molto più grande sulla popolazione di coralli rispetto ad altri tipi di disastri. Due cicloni tropicali hanno colpito le barriere coralline di Lizard Island nel 2014 e 2015, ad esempio, ma il numero di giovani reclute è rimasto forte. Lo sbiancamento, tuttavia, ha ridotto il numero di reclute di oltre il 95 percento.

coralli

I ricercatori non hanno nulla di ottimistico da dire su questo modello. Quando si tratta della resilienza di questi ecosistemi, gli eventi passati non sono sempre una buona guida per il futuro. Dato un decennio, i coralli della Grande Barriera Corallina potrebbero forse recuperare le loro perdite, ma le probabilità di un decennio senza un grande evento di sbiancamento sono ormai bassissime. Questi coralli hanno visto quattro eventi di sbiancamento negli ultimi 20 anni. In uno scenario di elevate emissioni di gas serra, le proiezioni mostrano che lo sbiancamento potrebbe essere un evento annuale entro il 2050.

“Secondo la più recente valutazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici“, scrivono i ricercatori, “il 70-90% delle barriere coralline del mondo potrebbe scomparire entro il 2030 a causa del riscaldamento globale, a meno che non vengano prese misure decise per ridurre le serre. emissioni di gas.”

coralli