meteora enorme

Uno straordinario avvistamento quello del 4 aprile nelle prime ore del mattino. Circa 495 persone in otto stati diversi, hanno riferito di aver visto accendersi nel cielo una meteora, poco prima delle sette del mattino. La meteora è stata visibile per qualche secondo nei cieli degli Stati Uniti Sud orientali. La luminosa palla di fuoco è passata molto lentamente attorno alle 06:50 del mattino, ora locale. Secondo l’American Meteor Society (AMS), la maggior parte delle segnalazioni si sono registrate negli stati della Carolina del Nord e del Sud. Ma diverse segnalazioni sono arrivate anche da Florida, Alabama, Georgia, Kentucky, Virginia e Tennessee.

Le prime segnalazioni arrivate sono pervenute da decine di persone residenti nella zona di Charlotte, i quali hanno subito iniziato a postare foto e video sui social, della meteora che ha illuminato il cielo del primo mattino.

 

Una grande meteora che è rimasta visibile per parecchi secondi

Secondo i rapporti la meteora ha eseguito il suo viaggio da Ovest ad Est, concludendo il suo viaggio ad oriente della città di Ivanhoe. Secondo il professor Jack Howard del Charlotte Astronomy Club, la palla di fuoco avrebbe viaggiato da 16 mila a 64400 Km/h. Howard ha dichiarato che comete di questo tipo non sono necessariamente rare. La NASA stima che 48 tonnellate di materiale meteoritico cadano sulla Terra ogni giorno. Secondo Howard “questo era un oggetto abbastanza grande, isolato, e potrebbe essere un pezzo di un asteroide”.

Soltanto una settimana fa l’AMS aveva già ricevuto moltissime segnalazioni per un’altra meteora, avvistata sulla costa orientale domenica scorsa in Florida.

Sappiamo infatti che le meteore raggiungono il loro picco ad Aprile, infiammando il cielo con le loro strisce di luce che si formano quando le rocce spaziali entrano in contatto con l’atmosfera terrestre.

Secondo alcuni testimoni la meteora è durata a lungo nel cielo, il signor Helms, trentatreenne residente nella Carolina del Nord, ha dichiarato: “Non ho mai visto nulla di simile nella mia vita”.