sito

Per alcuni, è la scoperta del secolo, ma per altri qualcosa non torna. O almeno non ancora. Un sito straordinario scoperto nel Nord Dakota, negli Stati Uniti, si dice che sia la dimora di un tesoro di fossili che mostrano un impatto meteorico 66 milioni di anni fa che ha generato un’onda tsunami in un mare interno che uccise e seppellì pesci, mammiferi, insetti e un dinosauro.

L’evento devastante ha creato un cimitero fossilizzato che ha preservato antichi animali e detriti dalla roccia spaziale che forniscono informazioni su ciò che stava accadendo nei minuti e ore dopo discutibilmente il più importante evento di estinzione di massa nella storia della Terra.

 

Almeno questa è la teoria

Un paleontologo di nome Robert DePalma, uno studente di dottorato presso l’Università del Kansas, lavora nel sito con la sua squadra dal 2013. Anche se semplificata, la teoria di cui sopra è il modo in cui è arrivato a comprendere il sito in cui si è imbattuto.

Crede che dopo aver trovato un diverso letto di fossili e tektiti (corpi di ghiaia formati da detriti terrestri espulsi durante gli impatti dei meteoriti) abbia scoperto un sito che rappresenta l’importantissimo confine KT (o K-Pg) – lo strato terrestre che separa il periodo Cretaceo e Paleogene.

sito
Robert DePalma e la sua assistente sul campo Kylie Ruble

Questo è il primo insieme di morti in massa di grandi organismi che qualcuno ha trovato associato al confine K-T”, ha detto DePalma a Berkeley News.

“In nessun’altra sezione di confine K-T sulla Terra puoi trovare una collezione di questo tipo composta da un gran numero di specie che rappresentano diverse età di organismi e diversi stadi della vita, tutti morti nello stesso momento, nello stesso giorno”.

Secondo lui, questo include un numero di resti di dinosauri. In altre parole, la prova quasi incontrovertibile che i dinosauri si estinsero a causa di ricadute ecologiche da un impatto di un asteroide.

 

Sul documento ufficiale sono omessi troppi dettagli

Quello che si preannuncia come uno dei più grandi racconti di paleontologia del secolo, è stato scatenato da un articolo del New Yorker ampiamente condiviso intitolato “The Day the Dinosaurs Diedpieno di una serie di affermazioni incredibili. Ma precedette un documento di ricerca pubblicato nel Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) che non era all’altezza dell’hype creato dalla rivista.

Scavi come questo sono finanziati da musei, università e persino governi, ma a causa dei grandi guadagni che possono essere in gioco quando si tratta di collezioni di fossili, c’è anche un’industria privata che esiste intorno agli scavi.

sito

In questo caso, il signor DePalma ha raggiunto un accordo commerciale segreto con un proprietario che possiede la terra in cui si trova il sito e ha tenuto la sua scoperta molto vicino al suo petto negli ultimi cinque anni.

 

La maggior parte delle informazioni diffuse dai media

L’articolo del New Yorker, che è tanto un profilo del 37enne signor DePalma, quanto del sito di scavo, dipinge l’immagine di un sito che èil Santo Graal” e anche di più, del mondo della paleontologia. Ma poche persone hanno effettivamente visto il calice consacrato, per così dire.

Il geofisico della Purdue University e l’esperto d’impatto Dr. Jay Melosh, che non faceva parte della ricerca ma ha pubblicato il documento, l’hanno chiamata lascoperta del secolo” per il campo.

Ma molti altri hanno sollevato domande sul perché tali incredibili affermazioni siano state diffuse dai media, ma non nel mondo accademico.

Il Dr. Stephen Brusatte, un paleontologo presso l’Università di Edimburgo e autore di The Rise and Fall of the Dinosaurs, è tra coloro che hanno domande riguardo le straordinarie affermazioni fatte dal team che fino ad ora ha presieduto silenziosamente il sito.

Questo è un sito fantastico, ma non vedo alcuna prova per un cimitero di dinosauri! C’è qualcosa di strano”, ha scritto su Twitter.

 

Non ci sono prove reali, per il momento

In una e-mail a news.com.au, ha detto che era “molto eccitato per questa scoperta” ma, a parte un singolo osso di dinosauro parziale menzionato nel documento, le idee di un cimitero di dinosauri riportate nei media non hanno prova reale finora.

L’articolo del New Yorker riporta un cimitero di dinosauri con ossa di molti tipi di dinosauri, insieme a piume, uova e persino embrioni“, ha detto. “Temo che non ci siano prove, a parte un singolo osso parziale di dinosauro, per me o altri paleontologi da valutare in questo momento.”

sito

Il dott. Brusatte, 35 anni, è ampiamente riconosciuto come uno dei massimi paleontologi della sua generazione. Ha scritto oltre 100 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed durante il suo decennio di ricerche sul campo e ha anche nominato e descritto più di 10 nuove specie di dinosauri.

Egli trova strano che molte delle affermazioni di Mr DePalma presentate nei media non siano state menzionate nell’articolo del giornale PNAS.

Il pezzo del New Yorker riporta di penne lunghe trovate sul sito che DePalma èconvinto sono piume di dinosauro“, i resti ossei di un mammifero lontanamente imparentato con i primati e segni di quello che lui ritiene essere un antico mammifero scavatore.

Un sacco di cose nell’articolo del New Yorker sono completamente assenti dal giornale”, ha aggiunto il dott. Brusatte. “La geologia è molto credibile ma non ci sono ancora prove sufficienti per valutare l’aspetto dei dinosauri della storia”.

 

Un problema di etica professionale

Brian Switek è uno scrittore scientifico specializzato in paleontologia e autore de “Il mio amato brontosauro: on the road con vecchie ossa, nuova scienza e i nostri dinosauri preferiti.”

Ha anche trovato strano che un simile livello di segretezza sia stato mantenuto intorno al sito, mentre solo alcuni dettagli sono stati inclusi nella rivista peer-reviewed.

“Penso che sia strano se sia stato svolto un lavoro preliminare, e sono certi che i reperti nell’articolo di New Yorker fanno parte dello stesso letto di ossa, che quei fossili non sono stati menzionati nemmeno di passaggio“, ha detto a news.com.au .

sito

È una pratica tipica per i paleontologi compilare “liste faunistiche” di specie presenti in un sito di scavo, ha spiegato, ed è stato sorpreso dal fatto che non è stato fornito nel documento.

Il signor DePalma e il suo team hanno citato le preoccupazioni sul bracconaggio per non aver aperto il sito a molti altri ricercatori – qualcosa che secondo quanto riferito avviene sul campo. Ma Switek ha detto che un tale argomento “non regge” nella paleontologia professionale.

I dettagli e le informazioni sulla località dovrebbero essere condivise con altri professionisti che desiderano indagare, assistere o altrimenti ricercare questo sito in conformità con l’etica di base della scienza”, ha affermato.

 

Restiamo sintonizzati, per almeno mezzo secolo

Il clamore intorno al sito, in gran parte prodotto dall’articolo del New Yorker, ha lasciato “molte persone a grattarsi la testa, in particolare a causa della discrepanza tra le affermazioni nella storia e le prove contenute nel documento”, ha aggiunto.

Il signor DePalma non è stato in grado di essere raggiunto per un commento, ma secondo quanto riferito, sono in arrivo altri documenti di ricerca relativi al sito.

sito
La foto mostra un fossile di pesce di 66 milioni di anni, parzialmente esposto e perfettamente conservato, scoperto da Robert DePalma e dai suoi colleghi

Almeno una cosa è certa, come ha affermato il consigliere di tesi del signor DePalma alla Kansas University, il sito manterrà gli specialisti impegnati per almeno mezzo secolo.

E come ha detto il dottor Brusatte a news.com.au: “Sarebbe fantastico se fosse tutto vero”.