buco nero social

Ieri pomeriggio è stata trasmessa, in diretta dalla conferenza di Bruxelles, quella che per molti, astrofisici, astronomi ed appassionati è l’immagine del secolo. La prima fotografia di un buco nero, che ha confermato che Einstein ci aveva visto giusto, con la sua predizione fatta nella teoria della relatività generale, circa 100 anni fa. Quello che fino ad ora era solo teoria e calcoli, è ora un oggetto reale e tangibile, come ha affermato il prof. Heino Falcke durante la conferenza.

Ma in rete questa scoperta è andata ben oltre il suo epocale significato scientifico. Gli utenti si sono infatti sbizzarriti sui vari social, associando l’immagine del buco nero supermassiccio M87, a qualsiasi cosa vi somigliasse.

 

Dal tortellino alla foto in cui ci tagga l’amico dove sembriamo orrendi: M87 è stato paragonato un po’ a tutto

C’è chi lo ha paragonato ad una ciambella o ad un tortellino, oppure perché no, ad un gustoso tarallo. È andata però per la maggiore, l’associazione con il famigerato occhio di Sauron, l’imperscrutabile occhio malevolo nato dalla penna di J. R. R. Tolkien, e reso famoso, come immagine, dalla trilogia cinematografica de “il Signore degli Anelli”.

Non sono ovviamente mancati anche riferimenti ironici alla politica, dover l’immagine di M87 è finita tra le fauci di Salvini ed in testa a Di Maio. C’è anche chi ha paragonato le meravigliose immagini colorate di computer grafica, che fino ad ora hanno rappresentato i buchi neri, con l’immagine reale ottenuta dall’Event Horizon Telescope, associandole alla differenza che c’è tra i propri selfie e quelli degli altri che appaiono come modelli o modelle, oppure alla differenza tra la foto di profilo di Facebook in cui sembriamo meravigliosi, alla foto dove ci ha taggato l’amico, in cui sembriamo appena usciti dal letto.

Di seguito vi riportiamo alcuni dei post più divertenti che abbiamo trovato in rete.

Ora è tutto chiaro !

Publiée par Cerebrolesi di tutti i paesi sur Mercredi 10 avril 2019

Spiegato tutto! 😅

Publiée par Infinity News sur Jeudi 11 avril 2019

Ma questa è in assoluto la preferita: secondo la nota pagina Facebook “Se i Social network fossero sempre esistiti”, questo è il post che avrebbe scritto su Facebook proprio lo stesso Einstein, se avesse assistito assieme a noi a questo meraviglioso momento. 

10 aprile 2019: una data storica per la scienza e per l'umanità tutta. Siamo davanti alle immagini, mai viste prima d'ora, di un buco nero.Un giorno potremo dire "io c'ero!"

Publiée par Se i Social network fossero sempre esistiti sur Mercredi 10 avril 2019

Ma c’è anche chi ha scherzato su sulla nostra capacità di inquinare, creando una vignetta in cui il buco nero ci chiede di stargli alla larga perché inquiniamo, e dove si ironizza sull’attuale politica italiana.