Apple ha posto gli utenti davanti un trio di opzioni di veramente difficile scelta, infatti ha presentato le sue nuove auricolari in due versioni, Air Pods 2 e  Air Pods 2 con ricarica wireless, le quali unite anche alle precedenti cuffie di prima generazione, pongo i possibili acquirenti davanti una scelta influenzata da tanti fattori, primo fra tutti il prezzo, rispettivamente 140 euro e 175 euro per gli ultimi modelli e 125 euro per il modello di prima generazione, quale scegliere tra questi ?

 

Analizziamo i dati

Prima di guardare a cosa è cambiato, diamo un’occhiata a ciò che è rimasto invariato, il case e il soddisfacente click all’apatura sono li stessi, le dimensioni sovrapponibili ed anche la ricarica all’interno della custodia è rimasta sostanzialmente invariata.

Ma cosa rendono le cuffiette di seconda generazione diverse e soprattutto superiori alle sorelle più anziane ? Apple afferma che il nuovo chip H1 permette una connessione quasi due volte più veloce, abilitando Siri e diminuendo la latenza tra le cuffiette ed il dispositivo ad esse collegate, quindi che tu le stia usando per ascoltare le tue playlist, per giocare o per chiamare, dovresti sentire un suono nettamente migliore con una più rapida connessione.

C’è da però mettere in a confronto quello che dichiara Apple da quella che è l’esperienza di tutti i giorni di un utente comune che non bada di certo a tutti questi dati d’ufficio.

 

Quale scegliere ?

La scelta ricade ovviamente su quelle di seconda generazione, da ponderare però sulla necessita della ricarica wireless o meno, infatti il consiglio è di puntare a quelle di seconda generazione senza la wireless charge, a meno che non siate degli amanti del genere che non si lasciano spaventare dal prezzo per portarsi a casa questo piccolo device.