Google

Se sei uno dei milioni di persone con un account Google, hai una  Google Maps Timeline. Potrebbe essere vuota: è legato all’impostazione della Cronologia delle posizioni che ha causato più confusione del necessario a causa del suo nome.

Per alcune persone, questo è utile per cose come il calcolo del chilometraggio, per gli altri, potrebbe essere una bella cosa vedere dove sei stato. Per le forze dell’ordine, però, è diventato un modo per lanciare una rete molto ampia quando si cerca di vedere solo chi potrebbe essere nei dintorni durante un crimine, secondo un pezzo del New York Times.

 

Google deve fornire tutte le informazioni se richieste dalle forze dell’ordine

Non è un modo infallibile per catturare i criminali e molti dettagli su come i funzionari possono usare le informazioni sono un po’ criptici. Ma un caso recente a Phoenix fa luce su come il servizio viene usato o abusato, a seconda del punto di vista.

Google, come ogni azienda negli Stati Uniti, deve fornire tutte le informazioni che sono accompagnate da una citazione in giudizio. La compagnia ha una discreta storia di lotta contro queste citazioni, ma alla fine molti dati vengono consegnati quando richiesto.

Google

Il database di Google di dove sei stato, internamente noto come Sensorvault, aiuta la compagnia a mostrare interessi e annunci basati sulla posizione. Una nuova serie di mandati, che il NYT giustamente chiama geofence warrants, attinge al database di Sensorvault in un modo che farebbe rabbrividire gli autori del quarto emendamento.

Le forze dell’ordine possono prendere la posizione e l’ora di un crimine e chiedere a Google chi era nella zona. Google ha un nuovo modo per tentare di anonimizzare i dati: la società fornisce una serie di token che ritraggono un account che la polizia può rintracciare e quindi chiedere dati più precisi e identificativi per quelli che si adattano allo scopo di un’indagine basata su altre prove, come video o testimoni oculari.

 

Il caso Molina

Il caso descritto dal Times mostra come questo può ritorcersi contro – un uomo che ha prestato la sua auto a una persona che ha commesso un crimine e che è stato abbastanza sfortunato da trovarsi nelle vicinanze quando è stato commesso, è stato arrestato e ha trascorso una settimana in prigione come sospettato in un caso di omicidio.

Google

“Gli investigatori avevano anche altre prove circostanziali, incluso il video di sicurezza di qualcuno che sparava con una pistola da una Honda Civic bianca, lo stesso modello posseduto dal signor Molina, anche se non potevano vedere la targa o l’aggressore.

Ma dopo aver passato quasi una settimana in prigione, il caso contro il signor Molina è andato a pezzi quando gli investigatori hanno appreso nuove informazioni e lo hanno rilasciato. Il mese scorso, la polizia ha arrestato un altro uomo: l’ex-fidanzato di sua madre, che a volte aveva usato l’auto del signor Molina.”