piramide-saqqara

Una missione archeologica ha scoperto a Saqqara la tomba di un dignitario chiamato “Khuwy” o “Khuy” e il nome di un’antica quanto sconosciuta regina, forse la moglie del Faraone Djedkara.

Gli archeologi hanno trovato la tomba della regina nota nome Setibhor, che non era nota alle fonti antiche, ma registrata nella colonna di granito rosso nella parte meridionale di un complesso piramidale fino a quel momento anonima, situata accanto alla piramide Djedkara.

Come riportato, l’iscrizione con il nome e titoli di questo monumento unico è stato scolpito in rilievo in un rettangolo lungo l’asse della colonna, un portico recentemente scoperto e dice: “Colui che vede Horus e Seth, il grande scettro di eroi, la più grande delle lodi e la moglie del re, il suo amato Setibhor“.

 

Un po’ di storia

Il complesso piramidale della regina Setibhor è una delle più antiche piramidi di Saqqara. Costruito alla fine della dinastia V, è anche il più grande complesso piramidale costruito per una regina durante l’Antico Regno. Il tempio funerario incorporava elementi architettonici e camere che erano riservati solo ai re del Vecchio Impero.

Il complesso piramidale e il tempio sono stati scoperti negli anni ’50, ma fino ad ora il nome del proprietario era sconosciuto. Le grandi dimensioni del complesso piramidale della regina Setibhor e il suo titolo possono indicare il suo diretto intervento per aiutare suo marito, il faraone Djedkare, a salire sul trono d’Egitto alla fine della V dinastia.

Sembra che Djedkara ha voluto onorare la moglie con la costruzione di un enorme complesso piramidale, con molte caratteristiche inusuali, comprese le colonne palmiformi di granito, che costituiscono un elemento architettonico conosciuto finora solo nel complesso piramidale del re e non utilizzato nei templi delle Regine durante il periodo dell’Antico Regno”.

I ricercatori hanno scoperto nella parete nord della tomba l’ingresso di una struttura inferiore unica, simile alle piramidi della V Dinastia. Questa parte della tomba inizia con un corridoio in discesa che conduce a una piccola stanza. Un’entrata sulla parete sud dà accesso ad un’anticamera decorata con scene del proprietario della tomba seduto di fronte a un tavolo di offerte, così come un elenco di offerte e la facciata del palazzo.

Mohamed Megahed, capo della missione archeologica, ha dichiarato che attraverso due ingressi alla parete ovest dell’anticamera, la missione ha individuato una seconda stanza disfatta che è stata utilizzata come camera funeraria. “Sembra che lo spazio della camera funeraria sia stato quasi completamente riempito con un sarcofago di pietra calcarea, che è stato trovato completamente distrutto dagli antichi ladri di tombe“, ha aggiunto Megahed.

Un ingresso alla parete sud dell’anticamera decorata conduce ad una piccola stanza, che probabilmente era utilizzata come magazzino. Gli archeologi hanno trovato la stanza piena di spazzatura, senza valore.

Secondo Megahed, “la scoperta della tomba sottolinea l’importanza dell’era Djedkare e della fine della V dinastia in generale“. La missione ha scoperto i resti di Khuwy o Khuy, che mostrano tracce di mummificazione.