squali bianchi

Proprio quando pensi che le orche non potrebbero essere più fantastiche, migliorano ancora. Nuove prove mostrano che queste balene sono davvero brave a spaventare la bestia più temuta del mare. Sì. Le orche hanno rovesciato il grande squalo bianco dal loro trono di ‘superpredatore’.

Un team di scienziati marini ha scoperto che i grandi squali bianchi (Carcharodon carcharias) si rendono estremamente scarsi ogni volta che individuano la presenza di orche (Orcinus orca).

Quando si confrontano con le orche, gli squali bianchi abbandoneranno immediatamente il loro terreno di caccia preferito e non ritorneranno per più di un anno, anche se le orche stanno solo passando”, ha detto l’ecologista marino Salvador Jorgensen del Monterey Bay Aquarium.

 

Il rilevamento GPS

Il team ha raccolto dati da due fonti: il via vai di 165 squali bianchi che il GPS ha contrassegnato tra il 2006 e il 2013; e 27 anni di dati sulla popolazione di orche, squali e foche raccolte da Point Blue Conservation Science a Southeast Farallon Island, al largo della costa di San Francisco.

squali bianchi

Il team ha inoltre documentato quattro incontri tra grandi squali bianchi e orche nel Santuario marino nazionale di Greater Farallones, che è stato possibile analizzare in base agli altri dati.

I dati hanno rivelato che ogni volta che le orche si presentavano nella regione – come in ogni singola volta – gli squali hanno fatto una rapida uscita, a sinistra del palco, e sono rimasti lontano fino alla stagione successiva. Si spegnevano in pochi minuti, anche quando le orche restavano in giro solo per meno di un’ora.

 

Le orche si nutrono anche di foche elefanti

E c’è stato un beneficiario sorprendente: le foche elefanti (Mirounga angustirostrous) che popolano la costa e sono preda dei grandi squali bianchi.

“In media documentiamo circa 40 eventi di predazione di elefanti marini da parte degli squali bianchi a Southeast Farallon Island ogni stagione”, ha detto il biologo marino Scot Anderson del Monterey Bay Aquarium. “Dopo l’apparizione delle orche, non vediamo un singolo squalo e non ci sono più uccisioni”.

squali bianchi

Le orche sono anche note per mangiare le foche elefanti, ma queste balene in visita si presentano solo raramente. Le balene assassine residenti si nutrono di pesci.

Gli squali non andavano sempre lontano. A volte si spostavano solo a distanza di sicurezza lungo la costa, dove erano vicini a diverse colonie di elefanti. A volte, però, si dirigevano verso il centro dell’Oceano Pacifico, la regione soprannominata White Shark Café.

 

5 metri e mezzo non sono un granché per le orche

Questi non sono neanche piccoli squali. Alcuni di essi misurano più di 5,5 metri dal naso alla coda, e sono probabilmente abbastanza abituati a spostarsi da soli ovunque vadano. Ma 5,5 metri sono piccoli per le orche, che possono depredare balene molto più grandi di così, quindi è improbabile che possano essere spinte facilmente.

Inoltre, sono state osservate orche che predavano grandi squali bianchi in tutto il mondo, anche vicino alle isole Farallon. È ancora un po’ oscuro il motivo per cui, ma gli squali uccisi dalle orche che si lavano a riva mancano i loro fegatini – i loro deliziosi, ricchi di olio, fegati ricchi di vitamine.

squali bianchi

Se gli squali stiano istintivamente evitando i predatori che riescono a sgomberarli così facilmente, o se i transienti del passato abbiano oppresso gli squali lontano dalla foca degli elefanti, la fonte di cibo è ancora sconosciuta.

“Penso che questo dimostri come le catene alimentari non siano sempre lineari”, ha detto Jorgensen.

“Le cosiddette interazioni laterali tra i migliori predatori sono abbastanza conosciute sulla terra ma sono molto più difficili da documentare nell’oceano e, poiché questo accade di rado, potrebbe volerci ancora un po’ per comprendere appieno le dinamiche”.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.