parkinson

Un trattamento all’avanguardia che può migliorare in modo significativo il movimento a chi soffre del morbo di Parkinson è stato descritto come “oltre i sogni più selvaggi” dei suoi ricercatori.

I pazienti che in precedenza costretti a casa ora camminano liberamente dopo aver ricevuto la stimolazione elettrica alle loro spine dorsali.

 

Un impianto che aumenta i segnali inviati e ricevuti dal cervello

È stato sviluppato un impianto per aumentare i segnali inviati dal cervello agli arti e viceversa. Ciò consente al paziente di camminare normalmente, è stato rivendicato.

Un quarto dei pazienti affetti da morbo di Parkinson ha difficoltà a camminare mentre l’afflizione comincia a risentirne. Alcuni iniziano a bloccarsi sul posto e addirittura a cadere.

Ma i pionieri ricercatori canadesi dietro la tecnica hanno affermato che il miglioramento della qualità di vita dei pazienti è incommensurabile.

parkinson

Il professor Mandar Jog, della Western University di Londra, nell’Ontario, ha detto che i risultati sono “al di là dei suoi sogni più sfrenati”. Parlando alla BBC, ha detto: “La maggior parte dei nostri pazienti ha avuto la malattia da 15 anni e non ha camminato con sicurezza per diversi anni”.

Ha aggiunto: “guardandoli passare dall’essere a casa, con il rischio di cadere, a poter andare in gita al centro commerciale e fare delle vacanze è straordinario per me da vedere”.

 

Alcune persone sottoposte al trattamento, raccontano come se la passano ora

Gail Jardine, 66 anni, ha detto che la sua qualità della vita è migliorata da quando l’impianto è stato installato due mesi fa. La signora Jardine in precedenza continuava a bloccarsi sul posto, oltre a cadere due o tre volte al giorno. La successiva perdita di fiducia le ha impedito di fare passeggiate in campagna a Kitchener, in Ontario, con suo marito, Stan.

Ma ora può camminare liberamente per la prima volta in più di due anni. Ha detto: “Posso camminare molto meglio. Non sono caduta da quando ho iniziato il trattamento.

parkinson

“Mi dà più sicurezza e non vedo l’ora di fare più passeggiate con Stan e magari anche solo da solo.” Camminare richiede al cervello e alle gambe di inviare segnali in un ciclo. Prima il cervello dice alle gambe di muoversi. Quindi riceve segnali quando è stata eseguita una fase e, a sua volta, invia le istruzioni per il passaggio successivo.

E il professor Jog ora crede che la malattia di Parkinson limiti i segnali che arrivano al cervello – al contrario di venire dal cervello – che fa sì che il cappio si rompa e i pazienti si congelino.

Crede che l’esplosione di elettricità dall’impianto risvegli il meccanismo di feedback dalle gambe al cervello – che è diminuito dalla malattia. Ha detto: “Questa è una terapia riabilitativa completamente diversa. Avevamo pensato che i problemi di movimento si sono verificati nei pazienti di Parkinson perché i segnali dal cervello alle gambe non erano passati attraverso.

“Ma sembra che i segnali tornino al cervello degradati.”

La dottoressa Beckie Port, ha dichiarato: “Gli studi futuri mostrano la stessa promessa, ha il potenziale per migliorare drasticamente la qualità della vita, offrendo alle persone con Parkinson la libertà di godersi le attività quotidiane”.