giovani

Una delle maggiori autorità sulla salute mentale dei bambini oggi avverte che la tecnologia sta minacciando lo sviluppo infantile, creando difficoltà spesso insuperabili nel passaggio dall’infanzia all’età adulta. Peter Fonagy, professore di Psicoanalisi contemporanea e Scienze dello sviluppo alla UCL, avverte che il mondo digitale sta riducendo sempre più il contatto tra le generazioni, con conseguenze potenzialmente dannose.

 

Un preoccupante aumento di disturbi mentali giovanili

Fonagy, che è anche amministratore delegato del Centro nazionale per bambini e famiglie Anna Freud, un ente di beneficenza, ha dedicato più di mezzo secolo allo studio dello sviluppo infantile. Secondo il professor Fonagy, i disturbi emotivi tra le giovani donne di età compresa tra i 14 ei 19 anni sono diventati “molto più comuni“, mentre i casi di autolesionismo sono aumentati in maniera preoccupante. Si è anche registrato un aumento degli episodi di violenza tra i giovani.

giovani

Essendo anche interessato a come la tecnologia possa aiutare le persone con problemi di salute mentale, Fonagy sostiene che l’avvento di smartphone e social media abbia reso il contesto socio-culturale attuale molto più complesso, causando nei giovani sempre più problemi legati alla comunicazione.

 

Sempre meno interazioni dirette tra i giovani

La mia impressione è che i giovani abbiano meno contatti faccia a faccia con le persone adulte rispetto a prima. L’agente socializzante per un giovane è un altro giovane e non è sempre un bene per lo sviluppo della personalità. Anche il tempo che le famiglie trascorrono ad esempio a tavola per consumare i pasti viene sempre più spesso sostituito da lunghe sessioni di chat con gli amici“, riferisce Fonagy.

giovani

La società di oggi, ha affermato, attribuisce maggiori responsabilità ai bambini nel determinare il loro futuro da soli, senza fornire loro il supporto necessario per prendere decisioni cruciali sulla loro vita. “Diciamo loro: dipende tutto da te. Ma non stiamo dando loro una scelta. Non stiamo dicendo ‘guardiamo insieme una gamma di scelte professionali che potrebbe piacerti intraprendere in futuro’. È un momento difficile per i bambini e stiamo sottovalutando il problema“.