meteore-eta-aquaridi

Anche se lo sciame meteorico delle Liridi è finito, c’è ancora una possibilità di osservare una pioggia di stelle cadenti nel cielo. Le meteore Eta Aquaridi sono già visibili dal 19 Aprile e lo saranno fino alla fine di Maggio. Il picco di visibilità si verificherà nelle prime ore del mattino del 6 Maggio.

Coloro che si trovano nell’emisfero australe hanno maggiori possibilità di osservare l’evento. Ma le meteore saranno visibili anche in alcune zone dell’emisfero settentrionale, come gli Stati Uniti.

Bill Cooke, un esperto di meteoriti presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, ha dichiarato in una e-mail all’NBC News MACH: “Quest’anno la visibilità sarà buona. Non ci sarà luce lunare a nascondere le meteore più deboli“.

Secondo Cooke, tutto ciò di cui gli osservatori hanno bisogno è “un cielo chiaro e buio” che permetterà di avvistare fino a 40 meteore all’ora durante il picco. Inoltre non sono necessari telescopi o altri strumenti particolari per visualizzare la pioggia di comete.

 

L’origine delle Eta Aquaridi

Questo sciame meteorico sembra avere origine da una stella luminosa detta “Eta Aquarii” nella costellazione dell’Acquario. E come tutte le meteore, esse sono formate la frammenti di polvere che, con movimenti veloci, creano brillanti strisce di luce mentre colpiscono l’atmosfera terrestre e bruciano.

Le particelle di polvere di Eta Aquarii in particolare, provengono dalla coda della cometa di Halley, che si avvicina alla Terra ogni 75 anni lungo la sua lunga orbita attorno al sole. L’ultima cometa di Halley passò nel 1986 e la sua prossima apparizione sarà nel 2061. Ma nonostante ciò, la Terra incrocia il suo percorso ogni anno per produrre le Eta Aquaridi.