apple

Apple sta difendendo la sua rimozione di alcune app di controllo parentale dall’App Store iOS in una nuova dichiarazione.

La società è stata messa sotto accusa per la rimozione di alcune app che erano state utilizzate come strumenti che davano ai genitori un maggiore controllo sullo screen-time dei propri figli, ma che Apple ha fatto affidamento su una tecnologia troppo invasiva per uso privato.

“Recentemente abbiamo rimosso diverse app di controllo parentale dall’App Store e l’abbiamo fatto per un semplice motivo: mettono a rischio la privacy e la sicurezza degli utenti. È importante capire perché e come è successo”, ha detto la società in una nota.

 

Contro le linee guida dell’App Store

Il cuore del problema è l’uso delle tecnologie di gestione dei dispositivi mobili (MDM) nelle app di controllo parentale che Apple ha rimosso dall’App Store, ha detto la società.

Questi strumenti di gestione dei dispositivi forniscono il controllo e l’accesso sulla posizione dell’utente di un dispositivo, sull’utilizzo di app, sugli account di posta elettronica, sui permessi della telecamera e sulla cronologia di navigazione di terzi.

Abbiamo iniziato a esplorare questo uso di MDM da parte di sviluppatori non enterprise nei primi mesi del 2017 e abbiamo aggiornato le nostre linee guida basate su tale lavoro a metà 2017“, ha affermato la società.

apple

Apple ha riconosciuto che la tecnologia ha usi legittimi nel contesto delle aziende che cercano di monitorare e gestire i dispositivi aziendali per controllare i dati e l’hardware proprietario, ma, secondo la società, è “una chiara violazione delle politiche dell’App Store – per un privato, consumatore- attività di app focalizzata per installare il controllo MDM sul dispositivo di un cliente. “

La società ha dichiarato di aver comunicato agli sviluppatori di app che erano in violazione delle linee guida di App Store e ha dato all’azienda 30 giorni per inviare aggiornamenti per evitare di essere sirulati dall’App Store.

Già si era detto che Apple aveva avvertito gli sviluppatori di app relative allo screen time a dicembre. All’epoca, si è notato che anche se Apple non aveva mai inteso che la tecnologia MDM incentrata sull’impresa fosse utilizzata nelle app rivolte al consumatore, negli anni aveva messo in campo un numero di app di controllo parentale e di schermate che erano in violazione delle sue linee guida.

 

Apple è decisa in questa sua posizione

Quando ha iniziato a rifiutarsi di pubblicare gli aggiornamenti di queste app – il bacio della morte per qualsiasi sviluppatore di app – ci sono stati molti sospetti sulla tempistica della repressione, che è arrivata poco dopo che Apple ha lanciato i propri strumenti per lo screen-time.

In futuro, Apple potrebbe fornire agli sviluppatori un’API Screen Time per consentire loro di creare soluzioni meno invasive per i clienti, ma non ha rilasciato commenti su alcun piano in quell’area.

Diversi sviluppatori hanno rilasciato aggiornamenti per portare le loro app in linea con queste politiche“, ha detto Apple nella dichiarazione relativa alle rimozioni. “Quelli che non sono stati rimossi dall’App Store“, ha detto.

apple

Passare ai media è spesso l’ultima risorsa per gli sviluppatori di app iOS quando si trova di fronte a una sfida per la loro attività, poiché molti temono che parlare alla stampa comporti un’azione negativa nei loro confronti.

Tuttavia, i tempi relativi al lancio di Screen Time potrebbero essere coincidenti. Invece, la scelta di utilizzare app per lo schermo di MDM potrebbe essere più strettamente legata alla privacy di Apple. In un momento in cui le aziende tecnologiche stanno affrontando maggiori regolamenti e multe per la loro incapacità di proteggere adeguatamente i dati dei clienti, Apple aveva bisogno di reprimere questo buco abbagliante, che avrebbe potuto portare a violazioni della privacy e, peggio, a quelli che avrebbero coinvolto i dati dei bambini.