inattività

Una mancanza di esercizio potrebbe uccidere il doppio delle persone che uccide l’obesità in Europa, come suggerisce uno studio di 12 anni su oltre 300.000 persone.

I ricercatori dell’Università di Cambridge hanno affermato che circa 676.000 morti ogni anno sono di inattivi, rispetto a 337.000 di obesi.

Hanno concluso che far fare a tutti almeno 20 minuti di camminata vivace al giorno avrebbe dei benefici sostanziali.

Gli esperti hanno detto che l’esercizio è stato benefico per le persone di qualsiasi peso.

L’obesità e l’inattività vanno spesso di pari passo.

Tuttavia, è noto che le persone magre hanno un rischio maggiore di problemi di salute se sono inattive. E le persone obese che si esercitano sono in salute migliore di quelle che non lo fanno.

Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, ha tentato di mettere in evidenza i pericoli relativi all’inattività e all’obesità.

 

Obesi contro inattivi

I ricercatori hanno seguito 334.161 europei per 12 anni. Hanno valutato i livelli di esercizio e i girovita e registrato ogni morte.

Il maggior rischio [di una morte precoce] era in quelli classificati inattivi, e ciò era coerente nelle persone con peso normale, sovrappeso e obesi“, ha detto il prof. Ulf Ekelund a BBC News.

Ha detto che eliminare l’inattività in Europa ridurrebbe i tassi di mortalità di quasi il 7,5%, o 676.000 morti, ma eliminare l’obesità ridurrebbe i tassi solo del 3,6%.

inattività

Il prof Ekelund ha aggiunto: “Ma non penso che si tratti dell’uno o dell’altro, dovremmo anche cercare di ridurre l’obesità, ma penso che l’attività fisica debba essere riconosciuta come una strategia di sanità pubblica molto importante”.

Il prof. Ekelund, che ha sede in Norvegia, è impegnato nello sci di fondo e tiene attive almeno cinque ore di vigoroso esercizio ogni settimana.

Tuttavia, dice che tutto ciò che ci vorrebbe per trasformare la salute, è camminare a ritmo sostenuto.

“Penso che le persone debbano considerare il loro giorno di 24 ore. Venti minuti di attività fisica, equivalente a una camminata veloce, dovrebbero essere possibili per la maggior parte delle persone da includere nel loro percorso da o verso il lavoro, o nelle pause pranzo, o la sera invece di guardare la TV.”

Le malattie causate dall’inattività e dall’obesità erano in gran parte le stesse, come le malattie cardiovascolari. Tuttavia, il diabete di tipo 2 era più comune con l’obesità.

 

Nel dubbio, meglio affrontare entrambe le cose

Commentando i risultati, Barbara Dinsdale, dell’ente benefico Heart Research UK, ha dichiarato: “Questo studio ancora una volta rafforza l’importanza di essere fisicamente attivi, anche quando si trasporta il peso in eccesso.

“Cambiare il tuo stile di vita è una buona notizia per la salute del cuore, ma l’attività fisica è sempre più facile da raggiungere e mantenere senza portare il ‘bagaglio del corpo’ extra di troppo peso.”

inattività

Il professor John Ashton, presidente della Facoltà di sanità pubblica, ha affermato che sono necessari cambiamenti per rendere più facile l’esercizio.

“Abbiamo bisogno di investimenti sostanziali nelle infrastrutture ciclabili per rendere più sicure le nostre strade. Se più persone pedalassero o camminassero a lavoro o a scuola, farebbero una grande differenza nell’aumentare i livelli di attività fisica”.