gaslightning

“Gaslighting” è un modello di abuso emotivo in cui la vittima viene manipolata per arrivare a dubitare della propria percezione, del proprio giudizio e della memoria. Ciò rende la persona ansiosa, confusa o persino depressa.

Questo termine, che in realtà non ha una traduzione specifica, deriva dal classico film di Hollywood intitolato “Gaslight”, in cui un uomo manipola sua moglie facendole credere sia pazza e rubandole la sua fortuna. Nasconde oggetti (dipinti, gioielli), facendo credere a sua moglie di esserne responsabile. Certo, questo porta a credere alla protagonista di stare impazzendo, non vuole uscire di casa, è ansiosa e piange continuamente. Il marito la avverte che la lascerà e minaccia di mandarla da un medico specialista. Ovviamente, l’aggressore sa molto bene cosa sta facendo e quasi riesce nel suo intento se non fosse per un investigatore che decifra la situazione e lo smaschera.

 

Le caratteristiche di questo tipo di inganno

Anche se questo film ci presenta un caso estremo, questa tecnica di manipolazione è usata consciamente o inconsciamente nelle relazioni. “Non l’ho mai detto, lo stai immaginando“: è la tipica frase che semina il dubbio.

Quando lo facevi mi sentivo molto male“, a cui l’aggressore risponde “sei molto sensibile, era solo uno scherzo” è un’altra situazione in cui cerca di persuaderci a credere che sia stata una questione di errore di percezione. Allo stesso modo, ci si può difendere, masi ottiene sempre una sola considerazione: “sei esagerato“, “stai facendo una tempesta in un bicchiere d’acqua” o “stai delirando“, ecc. Sono tutte frasi che lasciano che il dubbio sorga dentro di noi nel tentativo di favorire la relazione e chiedere l’approvazione del partner o del familiare.

Questo tipo di manipolazione è molto sottile ma pericolosa, poiché porta a continuare relazioni tossiche, a credere che ci sia davvero qualcosa di sbagliato in noi, essere insicuri e dipendere dall’opinione degli altri. Può anche portarci via dai nostri cari per paura di essere giudicati in merito alla nostra relazione.

 

Come riconoscere il Gaslighting

  1. Metti costantemente in discussione le tue idee o azioni; 
  2. Ti chiedi se sei troppo sensibile molte volte al giorno; 
  3. Ti scusi troppo spesso (con i genitori, la coppia, il capo); 
  4. Ti chiedi perché non sei felice, nonostante cose positive accadano nella tua vita; 
  5. Inventi costantemente scuse alla tua famiglia o ai tuoi amici per il comportamento del tuo partner; 
  6. Nascondi informazioni in modo da non dover spiegare o dare scuse a coppie o amici;
  7. Inizi a mentire per impedire che la tua realtà cambi; 
  8. È difficile prendere decisioni, anche semplici;
  9. Senti che non puoi fare nulla di giusto; 
  10. Ti chiedi se sei abbastanza bravo come figlio/amico/dipendente/fidanzato costantemente.

 

Cosa fare

Per quanto sottile possa essere questo tipo di manipolazione, non siamo indifesi. Ci sono modi per affrontare questo tipo di attacco, a meno che non ci sia già un forte precedente di abuso e non possiamo affrontare la situazione mantenendo un minimo di serenità. Per agire nei casi di Gaslighting, puoi seguire queste linee guida:

1. Fidati del tuo intuito. Se ritieni che qualcosa non sia giusto, fai attenzione e esamina quali parti non si adattano alla situazione. Analizzando le nostre esperienze, la nostra conta più del resto. Inoltre, la comunicazione non è un gioco in cui dobbiamo sforzarci di capire tutto ciò che dicono gli altri. In una coppia, se un messaggio non è stato compreso, la responsabilità è spesso condivisa (a condizione che abbiamo prestato attenzione).

2. Non cercare approvazione. Resisti alla tentazione di convincere l’altro a ottenere l’approvazione, invece puoi dire “Non siamo d’accordo” o “Ho pensato a quello che mi hai detto, ma non lo condivido“.

3. Ricorda la tua sovranità sui tuoi pensieri. Ricorda che le emozioni non sono né buone né cattive e nessuno può dirti se ciò che senti è vero o no. Se senti che ti umiliano o ti feriscono psicologicamente, solo tu percepisci questo stato d’animo. Non scusartene; ciò che dovresti evitare è attaccare, manipolare o agire in modo dannoso.

4. Sii consapevole dei tuoi valori. Crea una lista di valori personali. Ad esempio, “trascorrere del tempo con i miei cari“, “mantenere le promesse“, “essere generosi/compassionevoli“, “dire la verità“, “mantenere una mente aperta“. Ciò ti aiuterà a rimanere concentrato e anche a sapere cosa apprezzi degli altri. In un certo senso, i valori agiscono come la spina dorsale del nostro comportamento. Qualunque cosa accada, ciò che gli altri dicono o fanno non dovrebbe costringerci ad andare contro di essi. Nel momento in cui qualcuno ci spinge a violare questi principi di base, sapremo di essere manipolati.

5. Mantieni i tuoi limiti personali. Se qualcuno li viola, informalo. Se la persona non è responsabile delle proprie azioni, chiediti se vuoi continuare la relazione o la frequenza delle visite nel caso di familiari o amici. Lavorare con assertività è essenziale per affermare i propri interessi con dignità.