nasa-asteroide

La NASA sta conducendo una serie di studi con lo scopo di delineare un piano di difesa contro un possibile impatto di asteroidi o comete sulla Terra. Come spiegato dall’agenzia spaziale statunitense, il lavoro si occuperà di uno scenario fittizio di impatto di Near Earth Objects (oggetti vicino alla Terra), sviluppato dal JPL della NASA.

Gli scienziati stanno lavorando sull’ipotesi di un presunto asteroide scoperto il 26 marzo, valutato come potenzialmente pericoloso per la Terra. “I partecipanti discuteranno le missioni di ricognizione e possibile deviazione, nonché i modi per mitigare gli effetti dell’impatto se il piano di deflessione non è in grado di prevenire la crisi“, ha detto in una dichiarazione Lindley Johnson del Dipartimento di Difesa Planetaria della NASA . “Questo esercizio ci aiuterà a sviluppare comunicazioni più efficaci tra noi e i nostri governi“, ha aggiunto.

In un tweet dalla NASA, l’ente ricorda che, analogamente all’allenamento e alle esercitazioni studiate per terremoti, incendi e trombe d’aria, questo è il momento di sapere cosa fare contro un’ipotetica caduta di un asteroide sulla Terra. “Vorremmo essere preparati. Mentre la Terra è al sicuro da tutti gli asteroidi conosciuti, questa settimana incontreremo i nostri partner per mettere in pratica ciò che dovremo fare in una situazione diversa“, si legge.

 
Un altro degli scenari che saranno analizzati dagli esperti è la possibile minaccia di una cometa, rilevata il 4 aprile, che potrebbe avere un impatto sulla Terra il 28 febbraio 2021. Come l’asteroide, anche questa cometa è stata “inventata” come lo scopo di servire da motto per gli esercizi di preparazione.

Questo tipo di esercizi, che sono parte di un piano già sviluppato sei anni fa e nel 2018 pubblicato dalla Casa Bianca, è spesso utilizzato per pianificare possibili gestioni dei disastri, nonché per aiutare a informare le parti coinvolte. In sostanza, il progetto mira ad anticipare un potenziale evento “apocalittico”, con il principale obiettivo di avere una risposta al fine di mitigare o ridurre al minimo il pericolo.

Oltre alla NASA e al Dipartimento di Coordinamento della Difesa Planetaria, rappresentanti del Dipartimento di Stato e Difesa degli Stati Uniti, dell’International Asteroid Alert Network e di altre agenzie come la Federal Emergency Management Agency (FEMA) sono coinvolti nel progetto. “La NASA e la FEMA continueranno a condurre esercitazioni periodiche con una crescente comunità di agenzie governative degli Stati Uniti e partner internazionali“, ha affermato Johnson.