asteroidi

Secondo gli esperti dell’Unione Astrofili Italiani (UAI), quello di fine Maggio sarà un cielo ricco di sorprese affascinanti, sopratutto per gli amanti degli asteroidi. Saranno diversi quelli che effettueranno dei passaggi ravvicinati alla Terra e, seppur non ad occhio nudo, si potranno osservare con modesti telescopi.

 

Ecco gli asteroidi che potremo ammirare con un semplice telescopio

Tra le rocce spaziali che gli astrofili dell’UAI ritengono degni di nota vi è l’asteroide doppio identificato con la sigla (66391) 1999 KW4. Si tratta di un asteroide Aten che interseca l’orbita di Mercurio. Fu scoperto nell’ambito del progetto LINEAR nel 1999 ed ha un satellite che gli orbita attorno, chiamato S/2001 (66391) 1 oppure1999 KW4 Beta.

Questo particolarissimo asteroide passerà a meno di quattro milioni e mezzo di chilometri dalla Terra il 25 Maggio, rendendosi quindi facilmente osservabile anche con telescopi di piccole dimensioni. In Italia potrà essere osservato il 27 Maggio: “si troverà basso sull’orizzonte nella costellazione dell’Hydra e del Sestante, poco dopo il tramonto”, come hanno affermato gli esperti UAI.

Ma lo spettacolo da osservare sarà sicuramente quello offerto da Cerere, l’asteroide più massiccio della fascia principale del Sistema Solare che si trova tra Marte e Giove. Cerere fu scoperta il 1º gennaio 1801 da Giuseppe Piazzi dall’osservatorio astronomico di Palermo. Per mezzo secolo Cerere fu considerato l’ottavo pianeta ed ora potremo ammirarlo al confine tra le costellazioni dell’Ofiuco e dello Scorpione.

 

Anche la Luna ed i Pianeti ci regaleranno dei momenti da non perdere

Anche il nostro satellite e gli altri pianeti del Sistema Solare saranno protagonisti di eventi speciali nel cielo di fine Maggio. Tra gli appuntamenti per gli appassionati di astronomia, ricordiamo la congiunzione in orario serale tra la piccola Luna ed il gigante Giove. L’evento sarà visibile per tutta la notte nella costellazione dell’Ofiuco.

Mercurio nel frattempo sarà visibile solo per un ora prima dell’alba, poi si abbasserà sempre di più fino a diventare inosservabile da metà mese, visto che il 21 Maggio sarà in congiunzione proprio con il nostro astro. Ci degnerà di nuovo della sua presenza solo a fine mese, quando riapparirà sull’orizzonte ad occidente

Un’altro evento da segnalare è la vicinanza tra Luna e Saturno, che sorgeranno uno di seguito all’altro, poco dopo la mezzanotte del 22 Maggio. Potremo osservarli all’orizzonte verso Sud-Est, con la costellazione del Sagittario sullo sfondo.