alzheimer

Ogni 3 secondi, qualcuno sviluppa l’Alzheimer, secondo l’Alzheimer’s Disease International. Il numero di persone che convivono con questa forma di demenza più comune è attualmente di circa 50 milioni. Entro il 2050, gli esperti si aspettano che questa cifra sia triplicata.

L’ultima “svolta significativa” nella ricerca sull’Alzheimer è avvenuta 4 decenni fa, afferma l’ultimo Rapporto mondiale sull’Alzheimer. Tuttavia, un gioco per smartphone sviluppato di recente potrebbe alterare quella statistica.

“La ricerca ci mostra che i cambiamenti cerebrali associati a malattie come l’Alzheimer iniziano decenni prima che i sintomi come la perdita di memoria inizino”, afferma Hilary Evans, amministratore delegato dell’Alzheimer’s Research United Kingdom.

Perché i futuri trattamenti di Alzheimer possano essere efficaci, è probabile che debbano essere somministrati nei primi stadi della malattia, prima che ci siano troppi danni al cervello.”

 

Navigazione nello spazio

Una collaborazione tra l’organizzazione, l’Università dell’East Anglia (UEA) e l’University College di Londra nel Regno Unito, e Deutsche Telekom ha portato a un gioco che può aiutare gli esperti a rilevare chi è a rischio di Alzheimer.

Sentiamo spesso storie strazianti su persone con demenza che si perdono e non riescono a trovare la strada di casa“, continua Evans, aggiungendo che i problemi di navigazione spazialesono alcuni dei primi segnali di allarme per la condizione“.

alzheimer

Tali problemi sono al centro del gioco Sea Hero Quest, che incoraggia i giocatori a orientarsi in vari labirinti. Finora, più di 4,3 milioni di persone in tutto il mondo hanno provato.

Nell’attuale studio, che descrive la rivista PNAS, i ricercatori hanno confrontato il modo in cui diverse persone hanno giocato al gioco e hanno trovato risultati interessanti. Hanno analizzato i dati di oltre 27.000 giocatori statunitensi di età compresa tra 50 e 75 anni e hanno anche reclutato un gruppo di laboratorio di 60 individui per test genetici.

 

Il gioco cambia

I test genetici hanno rivelato che 31 dei partecipanti nel gruppo più piccolo avevano il gene APOE4. I portatori di questo gene sono quasi tre volte più probabili rispetto agli altri a sviluppare la malattia di Alzheimer e questa tende a comparire quando sono più giovani.

Quando il team ha confrontato i dati del gruppo di laboratorio con i dati di riferimento, è stato possibile distinguere tra quelli con e senza il gene APOE4 in base al modo in cui hanno giocato a Sea Hero Quest.

alzheimer

Quelli con una predisposizione genetica all’Alzheimerhanno intrapreso percorsi meno efficienti per raggiungere gli obiettivi del checkpoint” e “hanno peggiorato le attività di navigazione spaziale”, osserva il Prof. Michael Hornberger dell’UAA, che è il ricercatore principale. “Questo è molto importante perché sono persone senza problemi di memoria.”

Aspettare che qualcuno mostri problemi di memoria per diagnosticare l’Alzheimer potrebbe essere troppo tardi, aggiunge il Prof. Hornberger, perché tali sintomi si verificanoquando la malattia è abbastanza avanzata”.

“le prove di fusione mostrano che i sottili deficit di navigazione spaziale e di consapevolezza possono precedere i sintomi della memoria di molti anni”.

In effetti, un test di memoria di routine era inefficace nel riconoscere la differenza tra coloro che erano e non erano a rischio della malattia.

 

Aiutare la ricerca contro l’Alzheimer

Avere la capacità di rilevare il rischio di Alzheimer con un semplice gioco potrebbe, quindi, aiutare a creare metodi di diagnosi più efficaci. Potrebbe anche aiutare con il trattamento futuro.

Il numero di persone che hanno scelto volontariamente di giocare è una forza considerevole. Secondo i ricercatori, 2 minuti di tempo di gioco equivalgono a 5 ore di studio in laboratorio.

alzheimer

Gillian Coughlan, della UEA, descrive il progetto come “un’opportunità senza precedenti di studiare quante migliaia di persone provenienti da diversi paesi e culture attraversano lo spazio”.

“Dimostra il potere di sfruttare progetti di scienza dei cittadini su larga scala e applicare le tecnologie dei big data per contribuire a migliorare la diagnosi precoce di malattie come l’Alzheimer”, dichiara Ghillian Coughlan.

“Questa è la punta dell’iceberg, e c’è ancora molto lavoro da fare per estrarre e capitalizzare la ricchezza dei dati raccolti”.