social

Gli effetti dei social media sulla soddisfazione della vita adolescenziale sono limitati e probabilmente “minuscoli“, suggerisce uno studio di 12.000 adolescenti del Regno Unito.

La famiglia, gli amici e la vita scolastica hanno avuto un impatto maggiore sul benessere, afferma il team di ricerca dell’Università di Oxford.

Sostiene che il suo studio è più approfondito e robusto di quelli precedenti.

E ha esortato le aziende a pubblicare dati su come le persone utilizzano i social media per comprendere meglio l’impatto della tecnologia sulla vita dei giovani.

Lo studio, pubblicato sulla rivista PNAS, tenta di rispondere alla domanda se gli adolescenti che usano i social media più della media abbiano una minore soddisfazione di vita, o se gli adolescenti con minore soddisfazione di vita utilizzino più social media.

La ricerca passata sulla relazione tra schermi, tecnologia e salute mentale dei bambini è stata spesso contraddittoria.

 

Effetto banale

Il prof. Andrew Przybylski e Amy Orben, dell’Oxford Internet Institute dell’Università di Oxford, sostengono che si basa spesso su prove limitate che non forniscono il quadro completo.

Il loro studio ha concluso che la maggior parte dei legami tra soddisfazione della vita e uso dei social media erano “banali”, rappresentando meno dell’1% del benessere di un adolescente – e che l’effetto dei social media era “non una strada a senso unico”.

social

Il Prof Przybylski, direttore della ricerca presso l’istituto, ha dichiarato: “Il 99,75% della soddisfazione di una persona non ha nulla a che fare con il loro uso dei social media”.

Lo studio, che ha avuto luogo tra il 2009 e il 2017, ha chiesto a migliaia di bambini dai 10 ai 15 anni di dire quanto tempo hanno trascorso usando i social media in una normale giornata scolastica e di valutare quanto fossero soddisfatti con diversi aspetti della vita.

Hanno trovato più effetti del tempo trascorso sui social media nelle ragazze, ma erano piccoli e non più grandi degli effetti trovati nei ragazzi.

Meno della metà di questi effetti erano statisticamente significativi, hanno detto.

“I genitori non dovrebbero preoccuparsi del tempo sui social media – pensare in questo modo è sbagliato“, ha detto il prof. Przybylski.

social

“Siamo fissati in tempo – ma abbiamo bisogno di ritirare questa nozione di tempo sullo schermo.

“I risultati non mostrano prove di grande preoccupazione”.

I ricercatori hanno affermato che ora è importante identificare i giovani a maggior rischio da determinati effetti dei social media e scoprire altri fattori che hanno un impatto sul loro benessere.

Pianificano di incontrare presto le società di social media per discutere su come possono collaborare per saperne di più su come le persone usano le app, non solo sul tempo speso per loro.

 

‘Primi piccoli passi’

La sig.ra Orben, autrice di studi e docente di psicologia all’Università di Oxford, ha dichiarato che l’industria deve pubblicare i propri dati di utilizzo e supportare la ricerca indipendente.

L’accesso è fondamentale per comprendere i numerosi ruoli che i social media svolgono nella vita dei giovani“, ha affermato.

Il dott. Max Davie, funzionario per il miglioramento della salute presso il Royal College of Paediatrics and Child Health, ha sostenuto l’invito alle società a collaborare con gli scienziati e ha definito lo studio “il primo piccolo passo“.

social

Tuttavia, ha detto che c’erano altri problemi da esplorare, come l’interferenza del tempo sullo schermo con altre attività importanti come il sonno, l’esercizio fisico e il tempo con la famiglia o gli amici.

“Raccomandiamo che le famiglie seguano le nostre linee guida pubblicate all’inizio di quest’anno e continuino a evitare l’uso dello schermo per un’ora prima di andare a letto, dal momento che ci sono altre ragioni oltre alla salute mentale per i bambini che hanno bisogno di dormire bene la notte.”