apophis

99942 Apophis, celebrato come l’asteroide del caos, passerà “vicino” alla Terra il 13 aprile 2029, a circa 31.000 chilometri dalla superficie del pianeta. Ed è la stessa NASA ad avvertirci di tale evento ormai da un po’ di tempo. 

Sebbene la distanza sia effettivamente “breve” – ​​ci sono astronavi in ​​orbita alla stessa distanza – il corpo roccioso non rappresenta alcun pericolo per la Terra, come riportato dall’agenzia spaziale americana. “Il 13 aprile 2029, una particella di luce si diffonderà nel cielo diventando più luminosa e più veloce. A un certo punto, sarà luminosa come le stelle”, spiegano gli scienziati. “Ma il punto non sarà un satellite o un aereo: sarà un asteroide vicino alla Terra, largo 340 metri che passerà senza pericolo” per il pianeta.

 

Il dio del male

Prende il nome dall’antico dio egizio del male, dell’oscurità e della distruzione, Apophis 99942 transiterà a 31.000 chilometri dalla Terra, o meno di un decimo della distanza tra il nostro pianeta e la Luna – 384.000 chilometri.

L’annuncio dell’approccio dell’asteroide arriva la stessa settimana in cui la NASA sta conducendo una serie di “esercizi da tavolo” – come si chiamano in gergo – durante la Conferenza sulla Difesa Planetaria – che va dal 29 aprile al 3 maggio – per definire cosa si dovrebbe fare quando uno di questi corpi dovesse influenzare la Terra in futuro. In parole povere: il progetto mira ad anticipare un potenziale evento “apocalittico”, con l’obiettivo principale di innescare una risposta pianificata al fine di mitigarla o minimizzarla.

L’approccio approssimativo di Apophis nel 2029 sarà un’incredibile opportunità per la scienza“, ha detto Marina Brozović, scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA, che lavora con le osservazioni radar di oggetti vicini alla Terra (NEO).

Nello stesso comunicato stampa la NASA ricorda che “è raro” che un tale asteroide passi così vicino alla Terra. “Sebbene gli scienziati abbiano visto piccoli asteroidi, dell’ordine di 5-10 metri, volando vicino alla Terra a una distanza simile, gli asteroidi delle dimensioni di Apophis sono molto meno numerosi e, quindi, non transitano vicino la Terra così spesso“.

L’asteroide, che orbiterà come un punto mobile di luce, può essere visto ad occhio nudo nel cielo notturno dell’emisfero australe, sorvolando la Terra dalla costa orientale alla costa occidentale dell’Australia.

Da quando è stato scoperto nel giugno 2004, Apophis è stato accompagnato da diversi telescopi attenti ai suoi movimenti. Gli scienziati sanno, per esempio, che questo corpo si avvicinerà presto alla Terra nel 2044, 2051, 2060 e 2068, di cui l’ultima data è l’approccio “più pericoloso”.

Le osservazioni scientifiche più importanti saranno fatte nel 2029, un anno in cui gli scienziati saranno in grado di studiare più in dettaglio le dimensioni, la forma, la composizione e forse anche l’interno di Apophis, sottolinea anche la NASA.

Nonostante tutte le approssimazioni, è molto improbabile che questo corpo celeste si scontrerà con la Terra: le probabilità sono 1 su 1.000.000. Tuttavia, sono ancora necessari ulteriori studi per escludere completamente questa possibilità.