musica-triste

C’è un motivo per cui ascoltare le canzoni di Adele ci fa sentire bene quando siamo tristi e non perché vogliamo sprofondare nella miseria delle nostre emozioni. Contrariamente a come è stato concluso in studi precedenti, le persone che ascoltano musica triste non lo fanno per prolungare questo stato emotivo, ma hanno un effetto ironicamente rilassante sul nostro organismo.

Uno studio condotto dalla University of South Florida ha voluto andare oltre la ricerca secondo la quale selezioniamo canzoni tristi per prolungare la nostra tristezza. Per questo motivo, gli esperti hanno deciso di fare un esperimento con 76 donne a cui è stata diagnosticata la depressione per svolgere due compiti. In uno di questi, hanno dovuto ascoltare musica allegra, neutra e triste ed evidenziare quale preferivano; nell’altro compito è stato loro permesso di scegliere la musica che volevano all’inizio.

Il motivo per cui si sono concentrati sulle donne sono gli alti livelli di depressione tra le donne adulte, in cui le percentuali sono solitamente due volte più comuni degli uomini adulti. Tornando all’esperimento, le donne depresse hanno scelto la musica triste come previsto. Ma qual è il motivo?

 

Canzoni tristi per sentirsi meglio

Contrariamente a quanto hanno concluso gli studi precedenti, non scegliamo di ascoltare la musica triste per affondare nelle nostre emozioni, ma perché ci fa sentire più rilassati a causa dei suoi bassi livelli di energia.

Quando è stato chiesto perché avessero scelto una melodia triste, i ricercatori hanno scoperto che le donne si sentivano meglio e più rilassate a causa dei loro bassi livelli di energia. Secondo Jon Rottenberg, direttore del Laboratorio di umorismo ed emozioni presso l’University of South Florida, ha spiegato che normalmente le persone con depressione tendono a sentirsi intrappolate in una sorta di paralisi che impedisce loro di andare avanti e raramente qualcuno che è triste prolunga questo stato emotivo.

Questo tipo di studio permette di determinare come ogni persona sia molto diversa e non necessariamente ciò che funziona per qualcuno funziona per tutti. Quindi, ascoltare musica allegra non è un metodo infallibile per sentirsi meglio. Lo può essere per certi tipi di persone, ma non per quelle il cui stato emotivo è molto triste.

 

La musica triste ha un effetto speciale sul nostro cervello

La musica malinconica è legata all’ormone prolattina, che ci aiuta a far fronte al dolore. Nel 2016, un gruppo di ricercatori del Regno Unito e della Finlandia ha studiato cosa succede dentro il nostro cervello quando ascoltiamo musica che accompagna le nostre emozioni, specialmente con la musica triste, che accresce la memoria di ricordi positivi che aiutano a sollevare il morale. Dal punto di vista delle neuroscienze, la musica malinconica è legata a un ormone chiamato prolattina che ci aiuta a far fronte al dolore.

Inoltre, l’azione di ascoltare la musica – gioiosa o triste – libera la dopamina, lo stesso neurotrasmettitore che rilasciamo quando facciamo sesso, mangiamo o consumiamo un farmaco. Questa sostanza ci permette di raggiungere un certo climax emotivo, che potrebbe essere ciò che ci fa sentire bene quando siamo tristi.

 

Sappiamo di non essere soli quando ascoltiamo musica triste

Dal punto di vista psicosociale, ascoltare la musica triste ci dà la sensazione di non essere soli nei nostri sentimenti. Ora, da un punto di vista psicosociale, l’ascolto di musica triste ci fa sentire identificati con quel dolore, e che non siamo gli unici a sentirci così nella vita. Lo psicologo Adrian North si è avvicinato per ha dato una spiegazione psicologica sul perché ci sentiamo accompagnati nella nostra tristezza quando ascoltiamo canzoni tristi.

La musica triste funge da specchio delle nostre emozioni e sono popolari perché ci danno l’opportunità di riflettere positivamente sulla nostra vita. Tuttavia, questa non è esattamente una teoria convincente, almeno non più della spiegazione neuroscientifica.