delfino rosa

Una rarità nella rarità, il delfino rosa Pinky, avvistato per la prima volta nel 2007, è infatti un insieme straordinario di rarissime combinazioni. Si tratta non solo di un delfino albino, ma anche di una mamma. Sembra infatti che il delfino rosa Pinky sia stato avvistato assieme al suo cucciolo nel Calcasieu Ship Channel in Louisiana.

 

Pinky: il delfino rosa è un delfino albino

Secondo gli esperti Pinky deve la sua colorazione ad una mutazione genetica che lo ha reso albino. La pelle priva di pigmenti di Pinky è quasi trasparente e lascia vedere quindi i vasi sanguigni sotto di essa. Un’altra caratteristica che fa pensare che si tratti di albinismo, è il colore rossastro degli occhi. L’albinismo si verifica quando le cellule non riescono a produrre melanina o non ne producono a sufficienza. La causa è di solito una mutazione in uno o più geni. I genitori di Pinky, anche se forse non apparivano diversi da qualsiasi altro delfino, con ogni probabilità recavano entrambi una copia della mutazione nello stesso gene. Le due mutazioni si sono poi combinate nel DNA di Pinky rendendolo così speciale.

 

Dal primo avvistamento alla maternità

Pinky fu avvistato per la prima volta dal capitano Erik Rue che in seguito lo ha visto molte altre volte nuotare nell’area. Ed ora Pinky è stato avvistato assieme al suo cucciolo, anch’esso albino ed è quindi un piccolo delfino rosa. 

Il capitano Rue ha dichiarato alla testata The Sun che “sorprendentemente, non sembra che Pinky sia estremamente influenzato dall’ambiente o dalla luce solare, così come ci si aspetterebbe considerato il fatto sia albino. Anche se effettivamente tende a rimanere sotto la superficie un po’ più degli altri animali nel branco. Mi sento molto fortunato per aver visto questo mammifero incredibile e fortunato di poter lavorare e vivere nell’area che frequenta una creatura così fantastica“.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Spotted again taking a swim

Un post condiviso da Pinky The Dolphin (@pinkythedolphin) in data: