luna piena

Sin dalla sua nascita, l’essere umano ha sempre avuto un pensiero particolare per la luna piena. Abbiamo volto lo sguardo al nostro satellite in modo molto particolare sin dagli albori, dandole significati speciali e alle volte misteriosi. E molti sono anche gli effetti sulla nostra vita, che nelle credenze popolari, vengono imputati al plenilunio. Ma può davvero influire sulla nostra vita e sul nostro comportamento?

Secondo una recente ricerca, la Luna piena sarebbe in grado di influire almeno su un aspetto della nostra vita, la guida. Lo studio si basa su due ricerche condotte una negli Stati Uniti e l’altra in Giappone, le quali sembrerebbero indicare che in concomitanza con la luna piena, aumentino gli incidenti stradali.

 

I due studi condotti sull’incidenza della Luna piena sugli incidenti stradali

Per quanto riguarda lo studio giapponese, sono stati presi in esame più di 850 mila incidenti in un arco temporale di cinque anni. Dall’analisi dei dati è emerso che la Luna piena possa influenzare, con la differente illuminazione notturna, la nostra percezione della velocità e dell’ambiente circostante. Questo inciderebbe sulla probabilità di incidenti, aumentandola del 4%.

Lo studio giapponese è stato realizzato in seguito ad un altro studio americano, condotto da Donald A Redelmeier, dell’Univeristà di Toronto, ed Eldar Shafir, University, che riguardava principalmente incidenti stradali dove erano coinvolti dei motocicli, in ben 40 anni. Lo studio americano, aveva individuato come principale causa di questi incidenti, il comportamento dei conducenti, influenzato dalla luminosità durante il plenilunio.

Tra le cause vi era spesso anche la distrazione dei conducenti per ammirare il panorama illuminato dalla luce lunare. Come ha infatti affermato Edmund King, presidente dell’associazione britannica automobilistica, “chi guida su noiosi tratti di autostrada, se la luna piena appare dal nulla, è facile che distolga lo sguardo per un paio di secondi. E se la macchina davanti rallenta, il pericolo è in agguato”.