apple

Il team WebKit di Apple, che sviluppa l’impianto idraulico sotto il browser Safari di iGiant, ha proposto un modo per misurare gli annunci online mantenendo la privacy di coloro che navigano su Internet.

La proposta è chiamata Privacy Preserving Ad Click Attribution For the Web e la sua disponibilità per il test come funzionalità sperimentale in Safari Technology Preview 82+. È un modo per fornire l’attribuzione dei clic, ovvero collegare un clic su un annuncio a un evento come un acquisto, che consente agli inserzionisti di misurare l’efficacia degli annunci senza fare affidamento su un monitoraggio cross-site potenzialmente invasivo.

 

Come funziona la proposta di Apple?

Fondamentalmente, la nostra soluzione evita di mettere fiducia in una delle parti coinvolte – la rete pubblicitaria, il commerciante o altri intermediari – e limita drammaticamente l’entropia dei dati passati tra loro per impedire la comunicazione di un identificatore di tracciamento“, spiega John Wilander, un web engineer di Apple, in un post sul blog.

In uno scenario tipico, un utente di Internet che esegue una Ricerca Google potrebbe visualizzare un annuncio visualizzato in un elenco di risultati di ricerca e fare clic su di esso per acquistare l’oggetto pubblicizzato.

apple

La pagina web del negozio richiede un pixel di tracciamento da Google per segnalare le interazioni dell’utente, al fine di attribuire l’acquisto all’annuncio della ricerca.

Il nuovo meccanismo di WebKit dovrebbe permettere a Google, o qualunque sia il sito che ospita l’annuncio, di memorizzare il clic sull’annuncio. Il sito di destinazione collegherebbe le conversioni – azioni desiderate come un acquisto – al clic sull’annuncio memorizzato. Lo farebbe utilizzando una richiesta di pixel di tracciamento a Google che viene reindirizzata al sito del commerciante per confermare una campagna pubblicitaria identificata da un numero specifico.

 

Marketing pratico

La proposta è coerente con il tentativo di Apple di occupare l’alto livello morale della tecnologia sostenendo la privacy a spese del capitalismo di sorveglianza rappresentato da Google e Facebook. Nota che questo è solo per gli utenti di iThing occidentale, se sei un cliente cinese la privacy è solo un sogno lontano.

Augustine Fou, un ricercatore di cybersecurity e di frodi pubblicitarie che consiglia le società sul marketing online, ha espresso entusiasmo per l’ad tech di Apple in una e-mail al Registro.

apple

“Il protocollo è ottimo, ma potrebbe essere un cambiamento troppo grande per la maggior parte della tecnologia pubblicitaria da comprendere e quindi implementare“, ha affermato.

I consumatori possono trovare attraente la promessa di privacy di Apple, ma l’industria pubblicitaria non chiede esattamente di saperne di meno. Ha detto che questo non è qualcosa che l’industria pubblicitaria vuole. “Sarà ignorato, ritardato, soppresso e discusso, come la DNT e ogni altra iniziativa sulla privacy prima di esso“, ha detto.

Tuttavia, dato il recente interesse politico nel rivisitare i limiti del monitoraggio degli annunci, c’è una possibilità che i regolatori possano rivedere la proposta di Apple.

 

Non affronta la frode, ma può danneggiare i malintenzionati

La tecnologia non affronta specificamente la frode pubblicitaria, che è un argomento ampio, ma potrebbe contribuire a ridurne una forma specifica, la frode di attribuzione di annunci. Fou spiega che è quando i malintenzionati cliccano ripetutamente sull’URL di attribuzione per assicurarsi che siano l’ultimo clic e quindi vengano pagati la taglia di attribuzione.

Lo schema di attribuzione di Apple inoltre non è una soluzione di privacy completa per il web; piuttosto deve essere considerato in combinazione con altri sistemi di limitazione delle informazioni come la Intelligent Tracking Protection della compagnia.

apple

Fou non vede la tecnologia come una minaccia alla raccolta di dati di Google – guarda ad Amazon per quello. “Google può esaminare gli utenti Gmails per vedere quali oggetti hanno acquistato“, ha affermato. “Ecco perché Amazon ha rimosso l’elenco di prodotti da e-mail di conferma dell’ordine e richiede all’utente di fare clic e accedere ad Amazon per vedere i dettagli dell’ordine”.

Se l’attribuzione di preservazione della privacy prende piede, le società più colpite saranno probabilmente piattaforme di attribuzione di marketing, ha detto Fou.