demenza

La demenza causa un declino progressivo della funzione cerebrale e può causare problemi come perdita di memoria, ridotta velocità di pensiero, influenzare l’umore e addirittura le capacità motorie di chi ne è affetto. Mentre invecchiare è un serio fattore di rischio per la demenza, c’è ancora qualcosa che si può fare per ridurlo. Uno di questi è assicurarsi di bere una certa quantità di acqua ogni giorno.

 

Il rischio di demenza può essere ridotto con una condotta di vita sana

Una dieta sana ed equilibrata può ridurre il rischio di demenza, afferma l’Alzheimer’s Society, così come altre condizioni tra cui il cancro, il diabete di tipo 2, l’obesità, l’ictus e le malattie cardiache. Corpi sanitari e professionisti, raccomandano di bere da sei a otto bicchieri di liquidi al giorno e mentre la scelta più salutare è sicuramente l’acqua, possono essere inclusi anche latte magro e bevande senza zucchero.

demenza

Altri componenti di una dieta sana dovrebbero includere il consumo di almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno. Sarebbe anche consigliabile assumere proteine, da cibi come pesce, fagioli, legumi, uova o carne, almeno due volte a settimana e limitare l’assunzione di zucchero e sale. È poi importante mangiare cibi ricchi di amidi come pane, patate e pasta.

 

Una anche moderata attività fisica può essere molto importante

Per ridurre il rischio di demenza può inoltre essere fondamentale l’esercizio fisico. È consigliabile fare attività aerobica moderata, come camminare a passo svelto, andare in bicicletta; ma anche un’attività fisica più intensa, come jogging, nuoto veloce o salire su una collina. Anche l’attività di resistenza è importante, come scavare nel giardino o esercizi come flessioni e sit-up.

demenza

Questi piccoli accorgimenti potrebbero risultare di fondamentale importanza per la prevenzione di questa terribile patologia, che affligge milioni di persone in tutto il mondo, anche perché allo stato attuale non esiste alcun tipo di cura; anche per questo è importante imparare a riconoscere i primi sintomi della demenza.