huawei

Nelle ultime due settimane, Huawei ha perso quasi tutti i suoi partner grazie a un divieto di commercio negli Stati Uniti, comprese divisioni di alto profilo con Google, Corning e ARM che hanno fatto precipitare il produttore cinese di telefoni in una crisi senza precedenti.

Ma alcuni dei suoi principali partner stanno tranquilli – in particolare Microsoft, che non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale sul divieto. Microsoft ha ritirato silenziosamente i laptop Huawei dal suo sito, suggerendo una sorta di ritiro dei servizi, ma siamo ancora all’oscuro dei piani più ampi della società per gestire il divieto.

 

Uno dei principali partner di Huawei

Microsoft è uno dei principali partner software di Huawei, che concede in licenza e mantiene Windows su un certo numero di laptop Huawei che devono essere concessi in licenza e aggiornati dalla società. È molto probabile che Microsoft stia semplicemente restando in silenzio a causa della delicatezza del problema, ma il silenzio solleva una domanda interessante: se Microsoft (o qualsiasi altra azienda) sfida l’ordine del commercio e continua a fare affari con Huawei, a quale tipo di sanzioni va incontro?

huawei

Il presupposto di quasi tutti gli operatori del settore è che Microsoft prenderà lo stesso approccio di Google e degli altri, per la semplice ragione che non possono permettersi di non farlo. C’è una serie di sanzioni per le aziende che sfidano i divieti all’esportazione, che vanno dalle multe civili agli ordini di rifiuto che imporrebbero limiti espliciti su ciò che l’azienda che viola può esportare, il tutto amministrato da investigatori di Export Enforcement dedicati.

 

Si potrebbe arrivare a delle sanzioni penali per chi sfida il ban

Se le violazioni sono abbastanza flagranti, potrebbero persino esserci delle sanzioni penali, come un caso di maggio che ha visto un condannato del New Jersey per accuse di cospirazione per l’esportazione di armi in Ucraina. Ma dato quanto Microsoft si affida a contratti governativi e internazionali per le sue attività, ci sarebbe molto da perdere per l’azienda prima ancora che venisse sollevata la minaccia del carcere.

Non sono solo le compagnie statunitensi a dover prestare attenzione a questo tipo di penalità. Poiché gli studi legali si stanno affrettando a chiarire, chiunque conceda la licenza per la tecnologia dagli Stati Uniti deve rispettare le stesse restrizioni, il che significa in effetti ridurre la collaborazione con Huawei. “Ad esempio,” spiega una ditta, “la tecnologia di origine non pubblica degli Stati Uniti necessaria per produrre uno spazzolino da denti potrebbe non essere fornita a Huawei da una società al di fuori degli Stati Uniti senza una licenza BIS”, anche se lo spazzolino stesso è fabbricato fuori dagli Stati Uniti.

huawei

Questo rischio spiega in gran parte il motivo per cui aziende come ARM, che ha sede fuori dagli Stati Uniti e forniscono architetture di chip piuttosto che la produzione stessa, stanno ancora evitando il divieto.

Quel che è più probabile è che Microsoft stia semplicemente giocando per avere un po’ più di tempo. Lo stesso Trump ha suggerito che le restrizioni potrebbero essere rimosse come parte di un accordo commerciale, che verrebbe probabilmente raggiunto prima che le nuove tariffe entrino in vigore il 25 giugno. Se quell’accordo dovesse effettivamente accadere, stare tranquilli e cavalcare la tempesta potrebbe sembrare intelligente in retrospettiva – ma dato il curriculum di Trump come un negoziatore federale, sembra una scommessa rischiosa.