spitzer

Gli scienziati della NASA hanno assemblato una serie di immagini scattate dal telescopio Spitzer Space, che osserva lo spazio profondo attraverso gli infrarossi, ottenendo una meravigliosa immagine della famiglia di stelle nella costellazione di Cefeo. Di questa famiglia, decisamente allargata, fanno parte stelle neonate, gas interstellare, polveri cosmiche e stelle vecchie, un insieme di corpi celesti, nati dallo stesso denso ammasso di gas e polvere, ma con età differenti che appartengono a generazioni diverse.

 

Il mosaico di immagini scattate dallo Spitzer: generazioni di stelle

La grande porzione verde e arancione che occupa la maggior parte dell’immagine è una nebulosa lontana. Un ammasso di gas e polveri che sembra fluire dalla zona bianca sulla sua punta, che in realtà è ciò che rimane di una nube molto più grande, sfilacciata dalla radiazione proveniente dalle stelle. La colorazione bianca di questa zona è in realtà dovuta alla combinazione di blu, verde, arancione e rosso, di lunghezze d’onda nello spettro della luce infrarossa, invisibili all’occhio umano. Il bagliore rosso che la circonda è invece creato dalla polvere riscaldata dalla radiazione delle stelle che illuminano questa zona.

Nel lato sinistro dell’immagine, la grande nebulosa verde presenta una zona un po’ più scura al cui interno vi sono delle piccole e giovani stelle (punti rossi e gialli). Questa zona infatti, nota come Cefeo C, presenta una concentrazione particolarmente densa di gas e polvere in cui si formano le stelle appena nate.

Sul lato destro dell’immagine si trova invece una seconda nebulosa, più piccola e più giovane, che include due oggetti di particolare interesse. Una “stella in fuga” che attraversa il gas e la polvere in una rapida sequenza, creando un’onda d’urto che nell’immagine è il piccolo arco rosso nella nebulosa. L’altro oggetto è un piccolo gruppo di stelle appena nate.

Sopra la giovane nebulosa è situato un ammasso stellare, conosciuto come Cefeo B, che ospita stelle con un età ha un’età compresa tra 4 e 5 milioni di anni, è quindi leggermente più vecchia del gruppo di Cefeo C. Ecco che così questo mosaico di immagini, scattate da Spitzer e assemblate dalla NASA, diventa un vero e proprio ritratto di famiglia che raccoglie assieme generazioni di stelle.

 

Evoluzione delle nebulose: scompaiono lasciando le stelle

Le stelle si formano nelle dense nubi di gas e polveri, come la scura ombra di Cefeo C. Via via che le stelle crescono, i loro venti solari e le radiazioni soffiano il gas e la polvere verso l’esterno, formando nebulose belle ed illuminate come la zona bianca da cui sembra nascere la nebulosa più grande. Ma poi la polvere ed il gas si disperdono lasciando gli ammassi stellari isolati nello spazio, come Cefeo B.

Una meravigliosa immagine quindi, che racconta la storia e l’evoluzione delle stelle, degli ammassi stellari e delle nebulose.

https://www.youtube.com/watch?v=p7YQ-KvGbJQ